XXX Rape
XXX Rape
Avionews.it
username password  
  Dimenticato la password?  
DarksSide.com
DarksFetish.com
Atti parlamentari

Interrogazione su aeroporti e accordi di comarketing coi vettori aerei

Roma, Italia - Presentata dall'onorevole Arianna Spessotto (M5S)

22326

(WAPA) - "Al ministro delle Infrastrutture e dei trasporti.

Per sapere, premesso che:

il decreto-legge n. 145 del 2013 'destinazione Italia', convertito, con modificazioni, dalla legge n. 9 del 2014, è intervenuto in materia di accordi stipulati dalle società di gestione degli aeroporti con i vettori aerei, prevedendo l'obbligo di espletamento di procedure concorrenziali per la scelta, da parte dei gestori aeroportuali, dei vettori ai quali erogare contributi, sussidi o altre forme di emolumento per lo sviluppo delle rotte;

l'articolo 13, comma 14, del decreto-legge stabilisce che, per l'erogazione di contributi per lo sviluppo di rotte destinate a soddisfare e promuovere la domanda nei rispettivi bacini di utenza, le società di gestione esperiscano procedure di scelta concorrenziali e trasparenti, così da consentire la più ampia partecipazione dei vettori potenzialmente interessati;

la norma prevede che i gestori aeroportuali comunichino all'Enac (Ente nazionale aviazione civile) ed all'Autorità di regolazione dei trasporti (Art) l'esito delle procedure concorrenziali, ai fini della verifica del rispetto delle condizioni di trasparenza e competitività;

entro il 31 gennaio di ciascun anno, le società aeroportuali devono inoltre comunicare ad Enac l'ammontare dei contributi versati dalle stesse società ai vettori aerei, anche sotto forma di contratti di comarketing, dati che non risultano ad oggi effettivamente reperibili ed accessibili;

negli ultimi anni, nonostante gli indirizzi comunitari e nazionali in relazione ai principi di trasparenza e competitività per lo sviluppo delle rotte aeree, grazie alla conclusione di contratti di comarketing tra gestori aeroportuali e vettori, con la compartecipazione di regioni, province e comuni, le compagnie low-cost hanno goduto di contributi pubblici –stimati intorno ai 100 milioni di Euro annui circa– giunti attraverso 'fondi di sviluppo rotte e marketing' stanziati dagli aeroporti italiani;

sebbene le norme comunitarie in materia di aiuti di Stato prescrivano la pubblicazione, a cadenza semestrale, sui siti degli scali, delle procedure selettive per godere degli incentivi, l'obbligo viene disatteso, attraverso la pubblicazione di bilanci poco chiari, complice la mancata previsione, all'interno delle linee-guida dell'agosto 2016, di procedure sanzionatorie per i gestori che non rispettano suddetto obbligo;

parimenti è slittato a luglio del 2017 il termine previsto per la realizzazione del registro degli aiuti dove i gestori devono comunicare gli incentivi erogati per lo sviluppo di rotte aeree da parte dei vettori–:

se il ministro interrogato intenda fornire un elenco aggiornato degli scali aeroportuali italiani che hanno attualmente in corso accordi di comarketing, con l'indicazione dei relativi importi, precisando se corrisponda a realtà l'importo stimato di 100 milioni di Euro di cui in premessa". (3-02965)

Sull'argomento vedi anche le notizie pubblicate da AVIONEWS 1, 2 e 3. (Avionews)
(006)

-1203936
(World Aeronautical Press Agency - )