Avionews.it
username password  
  Dimenticato la password?  
микрозайм онлайн срочно
Atti parlamentari

Interrogazione sull'aviosuperficie di Scalea (Cosenza)

Roma, Italia - Presentata dall'onorevole Paolo Parentela (M5S)

21604

(WAPA) - "Al ministro dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, al ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, al ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo.

Per sapere, premesso che:

gli interroganti apprendono da notizie a mezzo stampa che 'i lavori per la realizzazione dell'aviosuperficie di Scalea (Cosenza), invece che essere definitivamente sospesi, procedono a ritmo spedito, tanto che nel 2017 ne è prevista l'ultimazione';

l'aeroporto di Scalea Srl svolge un'attività di deposito aerei in un hangar e deposito carburanti, senza licenza per vendere al pubblico. L'opera pubblica, finanziata dalla Regione Calabria per 2,1 milioni di Euro a valere su fondi Por/Fesr Calabria 2007-2013 è stata costruita con il contributo privato di 3 milioni di Euro, mediante lo strumento del project financing (a fronte di una concessione della durata di 25 anni);

da quanto si legge su un articolo apparso sulla stampa locale calabrese del 16 settembre 2016, lo scalo aereo sarebbe infatti già parzialmente operativo, visto che 'a luglio scorso sono atterrati diversi turisti svizzeri in transito, a dimostrazione dello stato di avanzamento dei lavori'. Sul sito di Enac si può, tuttavia, constatare che l'autorizzazione, rilasciata in data 5 giugno 2008, sarebbe, in realtà, scaduta in data 4 giugno 2011 e che le attività di trasporto pubblico ed aeroscolastica sarebbero state sospese con nota Enac 4356/Aon del 16 gennaio 2014 su richiesta del gestore;

molte sono le criticità dell'opera:

a) l'aviosuperficie è costruita nel letto del fiume Lao, in una zona soggetta ad alluvione, e già dichiarata a 'elevata pericolosità idraulica' (P3) nonché a 'elevato rischio idraulico' (R4) dall'autorità di bacino della Regione Calabria, tale per cui 'sono possibili problemi per l'incolumità delle persone, danni funzionali agli edifici e alle infrastrutture con conseguente inagibilità degli stessi, la interruzione di funzionalità delle attività socio-economiche e danni relativi al patrimonio ambientale';

b) l'aviosuperficie ricade per buona parte all'interno del sito di interesse comunitario 'Valle del fiume Lao' a motivo della varietà di habitat naturali di interesse scientifico internazionale, mentre per la restante parte non esiste alcuna 'zona-cuscinetto' intorno al sito di interesse comunitario, nonostante le evidenti 'interferenze ecologiche' dovute alla presenza dell'aviosuperficie in prossimità di habitat naturali pregiati, già definiti ad 'alto grado di vulnerabilità dovuto agli insediamenti antropici vicini' nel documento «piano di tutela delle acque' della Regione Calabria;

inoltre, l'infrastruttura è prossima alla zona di protezione speciale 'Pollino e Orsomarso' ed alla 'riserva naturale statale Valle del Fiume Lao', che ospita numerosi specie di volatili rapaci, tra cui 'l'Aquila Reale Aquila chrysaetos, il Gufo reale Bubo bubo e il Capovaccaio Nephronpercnopterus', che sono definiti come caratterizzati da popolazione a status conservazionistico sfavorevole;

c) l'aviosuperficie è costruita secondo gli interroganti in contrasto con i vincoli di cui all'articolo 42 del decreto legislativo n. 42 del 2004, che prevede 'aree di rispetto di 150 metri dalle sponde dei fiumi, torrenti e corsi d'acqua iscritti negli elenchi delle Acque Pubbliche, e di 300 metri dalla linea di battigia costiera del mare e dei laghi';

d) l'area è interessata da fenomeni di erosione costiera media, con un arretramento dalla linea di costa che nel Comune di Scalea nel 'tratto in corrispondenza della foce del Lao' è calcolata in circa 136 metri–:

come si giustifichi che –nell'ambito del Pisl 'Riviera dei Cedri sostenibile, accessibile e competitiva'– sia stata con sentita la costruzione dell'aviosuperficie di Scalea, ad avviso degli interroganti in contrasto con i vincoli di cui all'articolo 42 del decreto legislativo n. 42 del 2004 ed in una zona soggetta ad alluvione con seri problemi per l'incolumità delle persone;

se il Governo non ritenga urgente avviare, per quanto di competenza, una verifica sui fatti avvenuti in questi ultimi anni in relazione allo sviluppo dell'aviosuperficie di Scalea". (3-03069) (Avionews)
(006)

-1205148
(World Aeronautical Press Agency - )
онлайн игровые аппараты http://sloto-luck.com/