Avionews.it
username password  
  Dimenticato la password?  
UAV

Aerei. Ue traccia piano gestione traffico droni a diverse quote, e di sicurezza

Bruxelles, Belgio - E nel rispetto dell'ambiente. I principi fondamentali

24067

(WAPA) - A seguito di una richiesta della Commissione europea (Ce), il Single European Sky Air traffic management Research Joint Undertaking (Sesar Ju) -il cui ruolo è quello di sviluppare il sistema europeo della gestione del traffico aereo (Atm) di nuova generazione- ha presentato oggi il suo progetto per l'uso di droni (Uav, Unmanned Aerial Vehicle, aerei senza pilota a controllo remoto) nello spazio aereo a bassa quota in modo sicuro e rispettoso dell'ambiente. Questo "U-Space" copre quote fino a 150 metri ed aprirà la strada per lo sviluppo di un mercato forte e dinamico dei servizi di rifornimento dell'Ue. La registrazione di droni ed operatori, la loro identificazione elettronica ed il "recinto virtuale" (geo-fencing) dovrebbero avvenire entro il 2019. Il documento di visione di oggi fa parte dell'impegno della Commissione di fornire la sua ambiziosa strategia dell'aviazione e di liberare il pieno potenziale economico degli Uav. Tutto ciò richiede un quadro legislativo efficace che possa favorire la leadership europea e la competitività, affrontando una serie di preoccupazioni legittime, la prima delle quali è la sicurezza (safety).

Il documento delinea una serie di principi fondamentali. U-Space dovrebbe essere:
- Sicuro (safe): la sicurezza a livelli bassi di quota sarà altrettanto buona come per l'aviazione tradizionale. Il concetto è di sviluppare un sistema simile a quello dell'Atm per l'aviazione con equipaggio.
- Automatizzato: il sistema fornirà informazioni per i droni altamente automatizzati o autonomi per volare in sicurezza e per evitare ostacoli o collisioni.
- in funzione ed operativo entro il 2019: per i servizi di base come la registrazione, l'identificazione elettronica e la geo-fencing. Tuttavia, ulteriori servizi U-Space ed i loro standard corrispondenti dovranno essere sviluppati in futuro.

Easa (European Aviation Safety Agency) sta lavorando con gli Stati membri ed il settore per produrre regole di sicurezza efficaci a livello dell'Unione europea, proporzionate al rischio dell'operazione. Queste norme attueranno il regolamento di sicurezza dell'aviazione di base dell'Ue che il Parlamento ed il Consiglio (cioè gli Stati membri dell'Unione) dovranno adottare nei prossimi mesi.
La Commissione, attraverso Sesar Joint Undertaking, finanzierà una serie di progetti, incentrati sulla loro integrazione nel sistema aereo.
Infine, sarà istituito un gruppo di esperti per agire come "cassa di risonanza" per l'ulteriore sviluppo della politica europea.

La fornitura di servizi nelle aree urbane, la raccolta di dati per una vasta gamma di industrie, le ispezioni infrastrutturali, l'agricoltura di precisione, il trasporto e la logistica sono solo alcune delle possibili applicazioni di questa tecnologia. Il mercato dei servizi dovrebbe crescere sostanzialmente; infatti le stime variano tra i 10 miliardi entro il 2035 ed i 127 miliardi di Euro per i prossimi anni. Una previsione recente riporta che entro il 2020 la dimensione del mercato globale crescerà del 42% nell'agricoltura di precisione, del 26% nei media e nell'intrattenimento, del 36% nell'ispezione e nel monitoraggio delle infrastrutture e del 30% nel settore del tempo libero.
Le vigenti norme comunitarie comuni riguardano solo i droni di peso superiore ai 150 chilogrammi. Al di sotto di questo limite, gli Stati membri sono tenuti a regolamentarsi. Mentre le regole nazionali consentono una crescita delle competenze, spesso si discostano e causano una frammentazione del mercato interno dell'Ue. Tale frammentazione ostacola lo sviluppo di nuovi prodotti, la rapida introduzione di tecnologie e può anche creare rischi per la sicurezza. Nel dicembre 2015 la Commissione ha pertanto proposto di creare un quadro europeo per i droni quale parte della sua "Aviation Strategy". Ciò richiede l'istituzione di un quadro normativo, compresi standard ed integrazione sicura dei droni nello spazio aereo, su cui viene fornito il progetto presentato oggi. (Avionews)
(006)

-1205168
(World Aeronautical Press Agency - )