Avionews.it
username password  
  Dimenticato la password?  
микрозайм онлайн срочно
Approfondimenti

20 agosto 1960 inaugurazione dell’aeroporto di Fiumicino -VIDEO

Roma, Italia - In occasione delle olimpiadi di Roma svoltisi tra il 25 agosto e l'11 settembre

25104

(WAPA) - In occasione delle olimpiadi di Roma del 1960, svoltisi tra il 25 agosto e l’11 settembre, venne costruito il più grande aeroporto di Roma e d’Italia a Fiumicino, vicino ad Ostia; l’inaugurazione avvenne solo cinque giorni prima dell’inizio dei Giochi olimpici, il 20 agosto del 1960.
Lo scalo di Fiumicino, denominato “Leonardo da Vinci” (codice Iata: FCO; codice Icao: LIRF) andava a così a sostituire il più piccolo aeroporto di Ciampino. Infatti fin dal 1947 il Governo italiano aveva cercato il sito adatto ad un nuovo scalo, finché nel 1952 la Direzione generale dell’Aviazione civile propose un’area vicina alla foce del Tevere. La struttura avrebbe avuto le linee architettoniche progettate da Riccardo Morandi ed Andrea Zavitteri (vincitore del concorso) e quello di Amedeo Lucchichenti e Vincenzo Monaco. Il progetto fu approvato nell’agosto del 1958 e richiese due anni per il suo completamento.
Tuttavia durante gli scavi, data anche la vicinanza all’antica Porto ed Ostia romane riemersero ben cinque navi romane, che furono trasferite nel Museo delle navi romane di Fiumicino, appositamente aperto per ospitarle, ma poi chiuso nel 2002.
Nonostante l’inaugurazione del 20 agosto 1960, l’aeroporto venne aperto ufficialmente solo il 15 gennaio del 1961, rimpiazzando definitivamente lo scalo di Ciampino che si rivelava ormai sottodimensionato per le esigenze dell’epoca; a Ciampino rimasero però i voli nazionali ed i voli charter.
Il primo aereo di linea ad atterrare a Fiumicino fu, tra la notte del 14 e 15 gennaio, un Lockheed Constellation della Twa proveniente da New York che aveva fatto scalo a Tunisi; tuttavia già ad agosto erano atterrati alcuni charter per alleggerire l'enorme traffico che gravava su Ciampino per via delle Olimpiadi.
Nel corso degli anni Alitalia investì molto nel nuovo scalo, costruendo hangar e centri di manutenzione per i DC-8; nel 1973 venne aperta la terza pista (16L/34R) e venne costruito un nuovo hangar per i B-747, mentre l’anno successivo la gestione dello scalo passò alla società Aeroporti di Roma SpA (AdR).
L’aeroporto dispone attualmente di quattro terminal (T1, T2, T3 e T5), per voli nazionali, internazionali ed intercontinentali e possiede tre piste: la 16R/34L e la 16L/34R parallele separate da 4 km, mentre la pista 07/25 è utilizzata per i decolli in direzione ovest.
Il terminal 1 è destinato ad Alitalia ed ai partner SktTeam, il terminal 2 alle compagnie low-cost, il terminal 3 è il più grande ed è destinato specialmente ai voli non-Schengen, che richiedono controlli più accurati; il terminal 5 è destinato ai voli sensibili (Usa ed Israele) ed è dotato delle più moderne tecnologie disponibili per il controllo di passeggeri e bagagli.
Attualmente, benché Fiumicino sia il più grande aeroporto italiano per numero di passeggeri ed il secondo scalo merci, è già previsto un suo ampliamento, che prevede la costruzione di due nuove piste e di una seconda aerostazione. Questa espansione è essenziale per affrontare l’aumento della domanda di traffico, stimato per il 2044 in 100 milioni di passeggeri annui.

Sotto, il video di quel giorno ripreso da Rai Storia:


(Avionews)
(006)

-1206453
(World Aeronautical Press Agency - )
онлайн игровые аппараты http://sloto-luck.com/