It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Fondi di investimento trascinati al ribasso dal settore aeronautico

Da rendimenti da sogno a cali del 70% in pochi giorni

AVIONEWS informa che, come in un domino globale, anche un ambito finanziario poco noto sta subendo gli effetti negativi della crisi del trasporto aereo e delle industrie aeronautiche. Si tratta di fondi di investimento specializzati che fino ad oggi hanno lucrato in maniera consistente con il leasing di aerei da affidare alle grandi compagnie.

Il meccanismo è piuttosto semplice: i costi elevati di velivoli di ultima generazione, i tempi di attesa per la consegna e la variabilità del mercato rende in molti casi poco vantaggioso per le compagnie aeree impegnare capitali ingenti per l'acquisto i nuovi aerei ef altrettanto sconveniente richiedere mutui bancari.

Più efficiente, per molti anni, è stato prendere in leasing i velivoli. Chi ha gestito questo settore sono stati proprio i grandi fondi di investimento specializzati che acquistano velivoli dalle compagnie costruttrici e poi discendono il leasing alle varie compagnie.

In passato questi fondi hanno garantito interessi cospicui intorno al 8-9% l'anno per poi scendere al 7% negli anni più recenti.

Ma il blocco dei viaggi aerei e la crisi generale stanno colpendo anche il valore di questi fondi che dall'inizio dell'anno hanno visto diminuire il loro prezzo tra il 40 ed il 75%.

La situazione è aggravata dal fatto che molti di questi fondi stanno ricevendo richieste dalle varie compagnie aeree per un alleviamento delle condizioni di leasing ovvero per terminare in leasing prima del previsto riducendo tuttavia i costi di uscite.

Ad esempio Dp Aviation in Uk ha rilasciato in leasing due aerei B-787 a Norwegian Air Shuttle. Tutto è andato bene ed i dividendi annuali si aggirano tra il 7 al 10%. Al momento della crisi Dpr ha sospeso il pagamento dei dividendi in modo indefinito dopo che il gruppo norvegese aveva indicato di non poter pagare la rata di leasing per i due jet.

In una sola seduta di borsa il valore della quota del fondo si è abbassato del 20% e rimane ancora sotto pressione. Nonostante le richieste già avanzate -scrive AVIONEWS-, sarà difficile che questi fondi riescano ad ottenere un sostegno governativo in quanto si tratta di imprese strettamente private e realizzate al fine di ricavare un utile finanziario, attività che di conseguenza prevede insito il rischio.

L'unica via d'uscita, come ha detto un rappresentante di uno dei fondi, e che i governi aiutino le compagnie a far ripartire al più presto il sistema di trasporto del traffico aereo. Ma anche se il sistema ripartisse immediatamente oramai un danno enorme è stato procurato. Ci vorranno anni perché i fondi tornino ad essere un investimento attraente.

gen - 1229103

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl