Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Aereo F-35: stop Usa all'addestramento di piloti e tecnici turchi

Prossima mossa l'esclusione dal programma dell'aereo? Al centro, il nodo S-400

Solo pochi giorni fa il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ribadiva di non voler recedere dall'accordo per l'acquisto del sistema  missilistico anti aereo russo S-400 (vedasi AVIONEWS), intesa che ha incrinato i rapporti fra Ankara e Washington e preoccupato la Nato, in quanto gli S-400 sono ritenuti incompatibili con il sistema  di difesa occidentale perché  costituiscono un pericolo per i caccia F-35.  Secondo quanto riporta in queste ore la stampa americana ecco la contromossa: il Pentagono avrebbe deciso di bloccare l'addestramento dei piloti turchi alla conduzione di questi caccia Lockheed Martin di quinta generazione. Al momento, scrivono i giornali locali, alla Luke Air Force Base, dove ha sede l'Air Education and Training Command, a Phoenix, in Arizona, sono in fase di addestramento almeno quattro piloti turchi oltre ad una ventina fra tecnici e addetti alla manutenzione. Il dipartimento della  difesa americana avrebbe intenzione  di sospendere ogni tipo di addestramento, sia quelli futuri che quelli in corso. La ritorsione si va ad aggiungere alla minaccia di escludere la Turchia dal programma F-35, di cui Ankara è sia compratore che sviluppatore. Un'eventuale esclusione penalizzerebbe pesantemente tra l'altro anche  l'industria turca che del velivolo costruisce diverse componenti, l'hardware del propulsore e la fusoliera centrale -tra cui i portelli del vano per le armi. Un potenziale danno che non sarebbe di certo alleviato dalla possibilità offerta dalla Russia di produrre in Turchia alcune componenti del suo S-400. Così come insoddisfacente è l'alternativa di acquisire il sistema Patriot  offerta ad Ankara  dagli Stati Uniti.

CTimn - 1222118

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Collegate
Simili