Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Incidente aereo Nepal: Dash-8 caduto a causa del pilota

Il comandante era turbato e ha pianto per larga parte del volo

L'incidente che coinvolse l'aereo Bombardier Dash-8 Q-400 di US-Bangla Airlines che collegava Dacca con Kathmandu del 12 marzo 2018 -costato la vita a 51 delle 71 a bordo- è stato causato dal pilota, che stando a quanto anticipato da "The Kathmandu Post" era turbato e per quasi la totalità del volo piangeva e fumava. Dati che sono emersi dalle indagini portate avanti dall'autorità per l'aviazione civile nepalese (Civil Aviation Authority of Nepal) e da quella bengalese. 

A causare questo stato d'animo nel pilota Abid Sultan è stato il fortissimo stress provocato dai dubbi sulla sua buona reputazione di istruttore nella compagnia aerea insinuati da un suo collega. Un forte nervosismo che lo aveva indotto a a fumare in cabina violando le regole sulla sicurezza aerea. Nulla ha potuto il primo ufficiale,  che ha tentato -come emerso dalla scatola nera- di consolarlo. In questo stato d'animo, secondo il primo rapporto d'indagine, il comandante Sultan ha deciso consapevolmente  di non seguire le istruzioni dei controllori del traffico aereo, che lo avevano indirizzato verso l'approccio a sud dell'aeroporto di Kathamandu. 

Sultan ha invece seguito la rotta a nord,  la più difficile -forse per dimostrare le sue capacità-, ma non è stato in grado di allineare l'aereo prima dell'atterraggio, colpendo l'erba a bordo-pista; l'attrito ha fatto infiammare il Bombardier. Per sapere se effettivamente questa anticipazione è la verità bisognerà attendere la pubblicazione -a breve- del rapporto finale della commissione d'inchiesta. 

M/A - 1213747

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Collegate
Simili