Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Ungheria. Intesa Wizz Air-aeronautica per formazione personale

Vettore aereo potrà anche atterrare in base militare

L'aviazione civile e quella militare possono andare “d’amore e d’accordo”, come testimoniato dall’intesa siglata nelle ultime ore dal vettore aereo low-cost Wizz Air. La compagnia ungherese ha firmato un accordo con l’aeronautica del Paese magiaro (meglio nota come "Magyar légierő"), una cooperazione che vale la pena approfondire. Come riferito dai media locali, il personale di volo potrà essere formato e addestrato presso le sedi dell’aviolinea a Budapest ed i velivoli civili potranno essere dirottati verso la base aerea militare di Kecskemet (nella zona centrale dell’Ungheria per la precisione: è anche una base della Nato); quest’ultima eventualità diventerà concreta nel caso in cui non fosse possibile effettuare l’atterraggio nell’aeroporto internazionale “Ferenc Liszt” della capitale. 

Proprio oggi, giovedì 24 settembre 2020, c’è stata la conferenza-stampa per la presentazione dell’iniziativa e l’ad di Wizz Air ha rilasciato alcune dichiarazioni. Secondo Jozsef Varadi (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS), gli sforzi compiuti negli ultimi anni nell’ambito della formazione del personale sono stati più che significativi. L’aeronautica ungherese, invece, ha sottolineato l’importanza finanziaria dell’accordo, dato che piloti, steward e hostess verranno addestrati in questo Paese e non più all’estero. Nei giorni scorsi, proprio Varadi ha spiazzato i giornalisti con le sue affermazioni relative all'attuale emergenza sanitaria, ricordando come i viaggi in aereo siano più sicuri che andare al supermercato per fare la spesa (vedi AVIONEWS).

Sr - 1232124

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili