Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Turchia respinge l'ultimatum Usa sugli S-400

La Russia è pronta a consegnare la prima batteria a luglio.

Lo aveva annunciato il presidente turco Erdogan, lo ha confermato il ministro degli esteri di Ankara Mevlut Cavusoglu: la Turchia non rinuncerà all'acquisto dei missili di difesa antiaerea S-400 dalla Russia. Come riporta l'agenzia "Reuters", Cavusoglu ha confermato il piano di acquisto rispondendo a una domanda sulla lettera di ultimatum spedita dal segretario ad interim alla difesa statunitense Patrick Shanahan

Shanahan aveva avvertito che la Turchia sarebbe stata estromessa dal programma sui caccia F-35 di quinta generazione, nel quale è coinvolta sia come compratore che come partner di produzione (vedi AVIONEWS). Il ministro della difesa turco Hulusi Akar, parlando ai giornalisti dall'Azerbaigian aveva dichiarato che lo stile della lettera non è in linea con lo spirito dell'alleanza, e di star preparando una risposta. 

La richiesta di Ankara di impostare un tavolo di discussione non è stata presa in considerazione da Washington. I missili antiaereo russi sono incompatibili con i caccia di quinta di generazione statunitensi e l'intero sistema difensivo della Nato.

Come riporta l'agenzia turca "Anadolu" citando una nota emessa dal governo di Ankara, la conversazione telefonica programmata per oggi tra i due ministri della difesa non ha attutito le frizioni. Akar e Shanahan hanno ribadito le rispettive posizioni su sicurezza e cooperazione bilaterale tra Stati Uniti e Turchia e si sono ridati appuntamento nel summit Nato di fine giugno a Bruxelles. Intanto la Russia è pronta a consegnare la prima batteria di S-400 a luglio.

DDB - 1222232

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Collegate
Simili