Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Pensionamenti anticipati ed azioni ai dipendenti Boeing

"Pronti per quando la crisi passerà" dice il ceo David Calhoun

C'è un piano di pensionamenti anticipati e vendita di azioni ai propri dipendenti tra quelli che Boeing sta esaminando per fronteggiare la crisi. Il gigante di Seattle, che impiega 161.000 persone per la costruzione di aerei civili militari ed i prodotti per lo spazio, ha annunciato di non voler considerare ancora la possibilità di licenziamenti, nonostante molte linee aeree, usuali clienti di Boeing, stiano valutando varie possibilità di riduzione della forza-lavoro che vanno dal licenziamento alle ferie volontarie senza paga. Per evitare i licenziamenti Boeing si affida soprattutto al governo statunitense ribadendo la necessità di ottenere al più presto i 60 miliardi già richiesti per l'intero settore aerospaziale americano. “Vogliamo mantenere la nostra forza lavoro per essere pronti a ripartire nel momento in cui ci sarà la fase di recupero” ha detto Calhoun, ceo di Boeing.

Probabilmente la compagnia spera anche di riuscire ad ottenere vantaggiosi prestiti attraverso il pacchetto di supporti alle industrie da 2000 miliardi di dollari approvato a Washington la scorsa settimana. Non è escluso –scrive AVIONEWS- tuttavia, che alcuni di questi aiuti arriveranno insieme a severe limitazioni proprio nei licenziamenti.

Intanto il titolo Boeing in borsa è sulle montagne russe.

La settimana scorsa c'era stato un rialzo macroscopico dovuto alle speranze degli investitori che gli aiuti di governo potessero risollevare la produzione aeronautica di Boeing anche attraverso commesse militari, ma, tra ieri ed oggi il titolo è di nuovo piombato ai minimi perché molti analisti cominciano ad intravvedere la possibilità che molte linee aeree cancellino ordini già piazzati, o siano addirittura impossibilitate, per mancanza di liquidità, ad accettare le consegne di nuovi velivoli.

Temi -scrive AVIONEWS- che avranno un impatto diretto e pesante anche sui progetti di ristrutturazione dei vettori aerei Alitalia ed Air Italy da parte del Governo italiano.

In un settore del trasporto aereo completamente rivoluzionato sarà complicato riuscire a dare stabilità ad aziende scarse di riserve finanziarie e problemi sindacali irrisolti.

gen - 1228937

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Simili