Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Aeroporto di Bari: sdoganate 50 tonnellate forniture mediche

L’importazione effettuata con la procedura agevolata di “svincolo diretto”

Nella giornata di ieri funzionari dell’Agenzia dogane e monopoli (Adm) di Bari, in servizio presso la Sezione operativa territoriale Aeroporto Bari-Palese, hanno provveduto in tempi brevissimi a mettere a disposizione della Protezione civile della Regione Puglia un carico di 50 tonnellate di forniture mediche e dispositivi di protezione individuale utili al contrasto dell’epidemia da Covid-19. 

Si è rilevato strategico allo sdoganamento in tempo reale il continuo contatto tenuto tra l’Ufficio doganale e la Sezione della Protezione civile nei giorni antecedenti all’atterraggio dell’aereo cargo di Ethiopian Airlines in arrivo da Guangzhou (Cina), contenente nello specifico 121.250 tute medicali protettive FH3, 100.000 visiere protettive, 20.000 mascherine protettive Ffp2, 20.000 occhiali protettivi per uso medico, 20.000 dispositivi di protezione facciale, 200 pompe per infusione di farmaci, 30 barelle di bio-contenimento, 500 forni elettrici per uso medico.

L’importazione, svolta alla presenza del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ed effettuata con la procedura agevolata di “svincolo diretto” prevista dall’ordinanza n. 6/2020 del commissario straordinario per l’emergenza da Covid-19, ha inoltre beneficiato della franchigia doganale che prevede l’esenzione dal pagamento dei dazi e dell’Iva afferente, disciplinata in via provvisoria e per tutta la durata dell’emergenza in atto dalla decisione della commissione Ue.

red - 1229045

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Simili