Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Aerei F-35. Ferrara (M5S): "non può essere tabù tantomeno ora"

"Penali non esistono" dichiara il senatore

Il senatore Gianluca Ferrara, primo dei cinquanta senatori M5S firmatari di un’interrogazione sugli aerei F-35 al ministro della Difesa depositata ieri, dichiara in una nota che: "Gli F-35 non possono essere un argomento tabù, tantomeno in questo momento difficile in cui il nostro Paese ha nuove urgenze e priorità. La nostra richiesta di moratoria e ridimensionamento del programma F-35 è un’iniziativa parlamentare coerentemente sostenuta dal Movimento 5 Stelle e priva di qualsiasi problematicità per il Governo di Giuseppe Conte, che ancora pochi mesi fa ha chiarito di essere d’accordo con la rinegoziazione del programma".

"Ben venga la dialettica politica tra alleati da sempre distanti su questa faccenda -prosegue Ferrara- ma che sia rispettosa della realtà dei fatti. Bisogna evitare il capzioso ricorso ad argomentazioni propagandistiche lontane dalla realtà come quella delle penali: spauracchio da sempre agitato dai sostenitori nostrani degli F-35, ampiamente smentito dai fatti -il taglio da 131 a 90 aerei deciso nel 2012 non comportò nessuna penale- e dalla dalla stessa Corte dei Conti nel 2017 in una relazione dedicata ai problematici aspetti economici di questo programma. Una ridimensionamento del programma è doveroso e non oneroso, anzi è conveniente per la nostra industria e per la nostra Difesa. Un taglio da 90 a 55 velivoli -quelli su cui abbiamo già preso impegni- comporterebbe una riduzione della partecipazione industriale al programma ampiamente compensata dai ritorni industriali, tecnologici, occupazionali e commerciali derivanti dalle alternative percorribili: programmi aeronautici nazionali ed europei molto più economici, affidabili, e rispondenti alle reali esigenze operative della Difesa. E non si tiri in ballo nemmeno la fedeltà ai nostri alleati storici che non è in discussione, visto che gli stessi Stati Uniti e diversi membri Nato hanno già ridotto gli acquisti di F-35 ed altri, come Francia e Germania, non li hanno mai presi in considerazione".

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

red - 1229327

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Collegate
Simili