Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Aerei, easyJet annuncia licenziamenti in Svizzera

Anche il numero di velivoli dovrebbe scendere

La “mannaia” occupazionale del vettore aereo low-cost easyJet è affilata come non mai. Non si spiega altrimenti la decisione adottata in Svizzera, nello specifico i 70 posti di lavoro in meno che sono stati ufficializzati con l’inevitabile motivazione di questo periodo storico, la crisi provocata dal Covid-19 (leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS). Il provvedimento si riferisce agli aeroporti elvetici di Basilea e Ginevra, e la flotta dell’aviolinea britannica  si ridurrà progressivamente. Oltre al minor numero di dipendenti, bisognerà fare i conti anche con i soli due aerei operativi in questi due scali. Come riferito nelle ultime ore da Jean-Marc Thévenaz, amministratore delegato easyJet per la Svizzera, si è fatto di tutto per evitare questi dolorosi tagli, ma alla fine è stato comunque necessario ridimensionare la forza lavoro. 

Il vettore può contare su 450 dipendenti per quel che riguarda l’aeroporto di Basilea-Mulhouse-Friburgo e altri 570 presso l’aeroporto internazionale di Ginevra-Cointrin. Le trattative con i sindacati sono ancora in corso e non è comunque escluso che ci possa essere in futuro qualche aggiornamento positivo della situazione. Secondo Thevenaz, tra l’altro, i due soli aeromobili che d’ora in poi caratterizzeranno questi cieli andranno a incidere maggiormente sulla frequenza dei collegamenti e non sul totale delle destinazioni. Non molti giorni fa easyJet, o meglio il suo amministratore delegato Johan Lundgren, aveva fatto sapere di essere ottimista sulla ripresa e sulla riconquista della fiducia dei passeggeri (vedi AVIONEWS). 

Sr - 1232399

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili