Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

EasyJet riorganizza attività in Italia per far fronte impatti pandemia sul traffico aereo

Coinvolgerà l'operatività su tre basi nazionali

Il management del vettore aereo easyJet ha informato le organizzazioni sindacali, i dipendenti ed i principali partner e fornitori di servizi nel mercato italiano della propria intenzione di avviare –nei tempi e nei modi previsti dalla legge e considerate le attuali restrizioni– un processo di riorganizzazione delle operazioni in Italia per far fronte all’impatto senza precedenti della pandemia.

Quest’anno il settore del trasporto aereo ha subito un vero e proprio crollo del traffico-passeggeri: dopo una timida ripresa estiva, Iata (International Air Transport Assocation) ha peggiorato le previsioni stimando per il 2020 un calo del traffico globale di circa il 70%. Per il 2021 l’associazione internazionale del trasporto aereo prevede che i ricavi delle aerolinee saranno inferiori di oltre il 50% rispetto a quanto previsto prima della crisi e ha confermato che bisognerà attendere il 2024 prima che il traffico aereo ritorni ai livelli del 2019. 

Per far fronte a questo scenario e dotarsi degli strumenti necessari per riemergere dalla crisi in modo competitivo, lo scorso maggio la low-cost ha annunciato un significativo ridimensionamento dell’intera flotta ed un conseguente piano di ottimizzazione di basi e rotte in tutto il network europeo.

Le previsioni di mercato e l’elevato grado di incertezza per i prossimi anni rendono non più differibile un piano di riorganizzazione anche per il mercato italiano e che coinvolgerà l’operatività delle tre basi nazionali: Milano-Malpensa, "Marco Polo" di Venezia e Napoli-Capodichino.

Nell’ottica di garantire la sostenibilità economica e finanziaria delle proprie operazioni nel mutato contesto di mercato, la compagnia sta dunque programmando di ridurre di 9 unità la propria flotta portando da 36 a 27 gli aerei basati in Italia. 

Nello specifico il piano prevede di ridurre da 22 a 21 gli aeromobili basati a Malpensa, da 7 a 4 quelli basati all’aeroporto partenopoe e da 7 a 2 quelli basati presso lo scalo lagunare. Questa valutazione è frutto di un’attenta analisi e rientra nel piano strategico di easyJet che vede la compagnia focalizzata ad ottimizzare il proprio network e garantire la profittabilità delle proprie basi in tutti i Paesi per far fronte alla continua ed incerta evoluzione del mercato.

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS

red - 1233503

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili