Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Alitalia-Ita un futuro che non c'è

Vestager "In molti casi, un approccio concreto ed una mentalità politica creativa è ciò di cui si ha bisogno..."

Si è svolta oggi a Roma una manifestazione dei dipendenti Alitalia che rimproverano al Governo, e soprattutto al ministro Giorgetti che conduce le trattative, una eccessiva "timidezza" verso l'Ue. È stata l'ennesima protesta per la grande ed infinita crisi in cui versa la compagnia. Un rapporto di Moody's, pubblicato oggi, afferma che sono state riviste al ribasso le stime per il trasporto aereo in Europa. L'aspettativa è quella di una partenza lenta per la Summer che potrà migliorare solo a metà agosto se almeno il 60%-70 degli europei sarà stato vaccinato. Questo però richiede una forte accelerazione della campagna vaccinale. Le principali compagnie europee, dichiara Moody's consumeranno tesoreria ed avranno uno stato patrimoniale più debole di quanto previsto sei mesi fa. Vettori aerei come easyJet, Lufthansa, Iag e Wizzair hanno liquidità per circa un anno e mezzo-due. Per la ripresa del trasporto aereo nel continente -afferma ancora Moody's- è fondamentale la veloce conclusione della campagna vaccinale. In questa situazione europea dovrà trovare lo spazio anche la nuova Ita. Marghrethe Vestager ha oggi, sibillinamente, detto che per Alitalia-Ita serve "un approccio concreto ed una mentalità politica creativa". Vista la sua rigidità davanti alle iniziative del Governo vogliamo pensare che questa frase l'abbia detta in modo autocritico. Pur non potendosi escludere pressioni da parte di altre compagnie europee sul commissario europeo, resta il problema che pure in una situazione di estrema crisi come quella attuale Alitalia-Ita non ha ancora definito un piano industriale e tanto meno si è organizzata per la stagione estiva. In genere le entrate della stagione estiva servono a limitare le perdite degli altri trimestri. Quest'anno, fra minore traffico causa covid e difficile situazione della compagnia, potrebbe essere un "bagno di sangue". La situazione è molto seria. I tempi sono tanto stretti. Bisogna fare presto e tutti aspettiamo che il ministro Giorgetti ed il presidente Draghi facciano sapere agli italiani ed ai dipendenti la "soluzione creativa" che chiede il commissario europeo Vestager. Si finisca con il gioco della giostra.

N/B - 1236239

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili