Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Faa: "Gli aerei 737 Max sono a rischio corrosione"

Aggiornate le direttive legate all’aeronavigabilità

Un dettaglio che non è passato inosservato: nelle ultime ore la Federal Aviation Administration (Faa) ha aggiornato le direttive legate all’aeronavigabilità degli aerei B-737 Max (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). I velivoli sono finiti al centro delle polemiche per via dei due incidenti mortali avvenuti di recente in Indonesia ed in Etiopia, ora invece si è aggiunto un nuovo rischio dopo la maggiore confidenza mostrata nei suoi confronti da diversi vettori aerei. L’ispezione completa è terminata da tempo, eppure Faa ha fatto riferimento alla possibile corrosione provocata dallo stoccaggio a lungo termine che potrebbe portare ad un peggioramento del potenziale di spinta. Sembra che la soluzione al problema sia piuttosto semplice e non dovrebbe nemmeno rappresentare un onere significativo dal punto di vista economico, eppure non si può essere del tutto tranquilli. Secondo quanto messo nero su bianco dall’ente americano, i motori del 737 Max soffrirebbero di corrosione a causa dei lunghi periodi di rimessaggio. La situazione si presenta dunque nel momento in cui i velivoli rimangono “parcheggiati” per molti mesi (come avvenuto durante il lockdown) senza essere utilizzati. Non ci si può stupire più di tanto della precisazione, d’altronde l’aereo in questione è rimasto fermo dal 2019 per motivi di sicurezza e la pandemia da coronavirus non ha fatto altro che peggiorare questa situazione. Infine, non va trascurato il fatto che per alcuni motori sono stati segnalati diversi guasti al sottosistema di pressione. Nei prossimi giorni ci saranno con tutta probabilità aggiornamenti interessanti sulla vicenda.

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS

Sr - 1236536

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili