Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Apa (Uilm Genova). "Giorgetti, non legga le veline di Leonardo, ma convochi organizzazioni sindacali"

Le affermazioni del segretario generale del sindacato; testo interrogazione su automazione

Antonio Apa, segretario generale Uilm Genova, dichiara in una nota che: "Francamente trovo alquanto discutibile che un autorevole ministro come Giorgetti, che si intende di economia oltre ad avere una conoscenza dell’apparato industriale chiamato a rispondere ad una interrogazione in Parlamento sulla divisione automazione, invece di esporre in modo autonomo, legge “come se fosse sotto dettatura” una velina passata da Leonardo che non lascia intravedere nulla di buono per la divisione Automazione. Il ministro dovrebbe sapere che questo è un film già visto l’anno scorso in quanto Patuanelli allora ministro del Mise si trovò nella sua stessa identica situazione e sempre sotto la spinta di Leonardo -sembrerebbe, la stessa gli fece dire che i siti di Genova non avevano nessun problema soprattutto l’automazione, contornando la velina di fuochi d’artificio su Genova sia in termini di sviluppo, sia in termini di investimenti, sia di organico, utilizzando la parola magica: centralità. Chi è che sta mentendo? 

Registro un passo indietro rispetto all’anno scorso, il che mi fa pensare che Leonardo non ha le idee chiare. La politica dovrebbe vigilare sui gruppi dirigenti, perché dal destino degli stessi dipende il futuro dei lavoratori ed anche perché gli stessi vengono nominati dalla politica su una logica spartitoria che non sempre corrisponde all’autorevolezza e alle capacità imprenditoriali di cui le aziende necessitano. La situazione di Leonardo non è fiorente come qualcuno la vuole descrivere, e non vorrei nel tempo dire “c’era una volta Leonardo ……..”. 

Abbiamo necessità di chiarezza, è inutile che qualcuno sbandieri su Genova, 40 milioni di investimenti su chiarimenti chiesti dalla Regione Liguria, sarebbe opportuno capire dove saranno indirizzati e con quali finalità, altrettanti dicasi per lo sbandierato calcolatore che in assenza degli scienziati allo stato ha un organico di una decina di persone. Non abbiamo bisogno di fuochi d’artificio e di specchietti per le allodole. La tanto sbandierata centralità della cyber allo Stato, per quanto mi risulta, non esiste, parole…. sono 4 anni che questa società non ha avuto dirigenti all’altezza della situazione, speriamo che gli stessi siano profeti in patria (Genova). Non molleremo facilmente sulla vicenda automazione, ritenuta da noi strategica, la stessa si può valorizzare ulteriormente in quanto esistono delle alternative, la finanza può essere al servizio dell’industria lo dimostra la vicenda Ansaldo con CdP, la quale invece di comprare alberghi o altre cose, può assecondare la risoluzione della vicenda automazione. Per questo l’11 maggio faremo un convegno per mettere in evidenza le contraddizioni insite in Leonardo e svilupperemo ulteriori mobilitazioni affinché Giorgetti possa sentire altre voci e altre opinioni, formalizzando un tavolo di discussione tra le organizzazioni sindacali e l’azienda, in modo da avere una esposizione puntuale da entrambi le parti".

AVIONEWS pubblica la versione integrale dell'atto parlamentare

"Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in Assemblea 3-02241 presentato da Pastorino Luca (Leu) testo presentato martedì 4 maggio 2021 modificato mercoledì 5 maggio 2021, seduta n. 501

Pastorino e Fornaro

Al ministro dello Sviluppo economico.

Per sapere, premesso che:

Leonardo SpA è un'azienda italiana attiva nei settori della difesa, dell'aerospazio e della sicurezza. Il suo maggiore azionista è il ministero dell'Economia e delle finanze, con una partecipazione pari al 30,2 per cento. L'azienda è presente in modo significativo in 12 Regioni ed in Liguria occupa attualmente circa 2650 addetti, di cui oltre 1700 a Genova-Sestri Ponente;

Leonardo SpA, che nel 2020 ha mantenuto in positivo il flusso di cassa grazie ai risultati dell'ultimo trimestre, ha dichiarato, relativamente alle opportunità post-pandemia, grande attenzione per la logistica e la possibilità di 'contribuire a connettere, automatizzare e garantire la sicurezza per le persone, i veicoli ed i beni', nei settori aeroportuale e portuale;

tuttavia, se la logistica è core business per Leonardo, è quantomeno contraddittorio l'annuncio da parte dell'azienda di voler trovare nei prossimi mesi un partner industriale per la divisione automazione, che occupa 400 addetti sui 1700 dello stabilimento genovese e contempla al suo interno prodotti e risorse chiave nell'ambito della logistica. Tale intenzione, purtroppo, parrebbe rappresentare l'anticamera della vendita della business unit automation, che si occupa di soluzioni integrate per la gestione, lo smistamento e la tracciatura di tutte le tipologie di oggetti postali e dei bagagli, con 40 anni di esperienza;

un anno fa l'amministratore delegato, Alessandro Profumo, aveva annunciato investimenti sul sito genovese e dichiarato strategica proprio l'automazione. Inoltre, il 5 febbraio 2020 l'allora ministro dello Sviluppo economico, rispondendo all'interrogazione n. 3-01283, assicurava che la business unit automazione rappresenta 'un pilastro della presenza dell'azienda in Liguria e, di conseguenza, uno degli asset del piano industriale di Leonardo 2018-2022'. Ancora, il 29 maggio 2020 i vertici dell'azienda ribadivano 'l'automazione non è in vendita'. Eppure oggi i 400 lavoratori della divisione temono per il loro futuro;

Leonardo SpA ricopre per l'Italia un fondamentale ruolo nella politica industriale; la scelta paventata appare pertanto miope poiché determinerebbe una grave perdita di conoscenze, lavoratori e prodotti proprio in un settore cardine per l'industria italiana e che riceverà cospicui investimenti con il Next generation EU; lo stesso Profumo dichiara che 'Leonardo può apportare il giusto approccio sistematico al processo della digitalizzazione della rete logistica nazionale'–:

se intenda chiarire quale sarà il destino della business unit automation del sito genovese di Leonardo SpA e dei 400 ingegneri e tecnici occupati nella divisione". (3-02241)

red - 1236563

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili