Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Parlamento europeo. Risposta ad interrogazione su voli Covid-tested ed armonizzazione protocolli viaggio

Da parte di Adina Valean a nome della Commissione

"IT E-001411/2021 

Risposta di Adina Vălean a nome della Commissione europea (20/5/2021) 

Il 2 dicembre 2020 il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e l'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea (Easa) hanno pubblicato un documento congiunto con lo scopo di aiutare gli Stati membri a definire un approccio coordinato per ridurre i rischi connessi ai viaggi aerei all'interno dell'Ue e tra l'Ue ed i Paesi del See ed il Regno Unito nel contesto della pandemia di Covid-19. Sulla base di evidenze scientifiche, il documento congiunto contiene raccomandazioni per i test diagnostici, le misure di quarantena e lo screening preventivo dei passeggeri ed informazioni sull'efficacia della quarantena in alcuni casi. Il documento congiunto mira a sostenere i responsabili decisionali negli Stati membri, comprese le autorità sanitarie pubbliche e le autorità dell'aviazione civile, nonché i portatori di interessi del settore dell'aviazione, fornendo una valutazione delle attuali evidenze sul probabile impatto delle misure in relazione ai passeggeri aerei in diverse situazioni epidemiologiche. La Commissione è a conoscenza dei buoni risultati dell'esperimento della società Aeroporti di Roma. Tali risultati saranno presi in considerazione nella futura revisione del protocollo sui test diagnostici e la quarantena, anche sulla base di nuove evidenze e alla luce delle probabili variazioni future della pandemia".

Sotto, riportiamo il testo dell'interrogazione

"Interrogazioni parlamentari

12 marzo 2021

Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001411/2021 alla Commissione Articolo 138 del regolamento

Simona Bonafè (S&D), Giuseppe Ferrandino (S&D)

Risposta scritta

Oggetto: voli Covid-tested ed armonizzazione europea protocolli di viaggio

Il settore aeroportuale europeo è stato gravemente colpito dalla pandemia della Covid-19. Nel 2020, con un calo di 1,72 miliardi di passeggeri rispetto al 2019, pari a una diminuzione del 70,4%, siamo tornati ai livelli di traffico del 1995.

In risposta, diversi operatori aeroportuali hanno sperimentato soluzioni per garantire elevati standard di sicurezza attraverso rigidi protocolli sanitari di viaggio, per riconquistare cosi la fiducia dei passeggeri e favorire una graduale riavvio del settore.

Ad esempio, la società Aeroporti di Roma ha promosso, con il governo italiano, la sperimentazione di voli cosiddetti Covid-tested, unico caso in Europa, sulle rotte New York-Roma ed Atlanta-Roma. I dati diffusi sul primo periodo di sperimentazione indicano solo 9 passeggeri positivi su 5249, ossia lo 0,17%.

Questi risultati dimostrerebbero come un controllo preventivo della totalità dei passeggeri possa ridurre radicalmente il rischio di importazione di contagio e rappresentare una potenziale alternativa alle misure di quarantena, favorendo una progressiva ripresa del traffico aereo.

1 La Commissione è al corrente dei protocolli di viaggio Covid-tested sperimentati e dei risultati raggiunti?

2 Anche nell'ottica di un'armonizzazione dei protocolli di viaggio a livello europeo, reputa possibile promuovere gli stessi protocolli per voli Covid-tested come buona pratica europea?

Ultimo aggiornamento: 26 marzo 2021".

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

red - 1236882

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili