Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Elicotteri. AMI: conclusa esercitazione "Grifone 2021"

Con il supporto del Cnsas

L’esercitazione “Grifone 2021” si è conclusa oggi in Sardegna, dopo una settimana densa di attività. Organizzata dall’Aeronautica militare, essa rappresenta uno sforzo collettivo e coordinato di risorse, personale e mezzi che ha come fine ultimo l’addestramento di equipaggi e soccorritori provenienti dalle tantissime realtà della “catena” Sar (Search and Rescue), al fine di cooperare sinergicamente per la salvaguardia della vita umana.

Al Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico (Cnsas) della Sardegna è stato affidato il ruolo di direzione e coordinamento delle squadre a terra, costituite con il prezioso contributo di personale dell’Esercito (Centro addestramento alpino e Bgt Alpina Taurinense), Fucilieri dell’Aria dell’AM, Soccorso alpino della Guardia di Finanza (Sagf), Vigili del Fuoco, Protezione civile e Corpo forestale e di Vigilanza ambientale della Regione Sardegna.

Come si interviene prontamente in caso di equipaggi militari dispersi? In che modo gli assetti delle Forze Armate, degli altri Corpi ed Amministrazioni dello Stato possono operare sotto il coordinamento del Rescue Coordination Centre (Rcc) del Comando operazioni aerospaziali (Coa) affinché le sortite raggiungano e soccorrano i personale in pericolo? Come massimizza l’efficacia dalle risorse che ciascuna Amministrazione mette a disposizione in caso di pubblica calamità? Sono tutte domande alle quali la “Grifone” si è addestrata a rispondere, ogni anno in una zona diversa d’Italia, ogni anno migliorando tecniche e procedure condivise.

Sono stati 11 gli elicotteri messi in campo dall’Aeronautica militare (un HH-139A del 15esimo Stormo, un TH-500 del 72esimo Stormo, un TH-500 ed un U-208 della Squadriglia Collegamenti di Linate), dall’Esercito italiano (BH-412), dall’Arma dei Carabinieri (AW-109 Nexus), dalla Guardia di Finanza (AW-139 ed AW-169), dalla Polizia di Stato, dai Vigili del Fuoco e dalla Capitaneria di Porto (tutte componenti con un AW-139). A supporto in area d’esercitazione anche un EC-145 di Areus (Agenzia regionale emergenza urgenza Sardegna). Essi hanno volato 100 missioni, per un totale di circa 48 ore di volo (comprese le “notturne”), elitrasportando 65 squadre. Notevole la varietà di interventi simulati e quanto più possibile simili ai casi reali.

La base dell’Aeronautica militare di Decimomannu ha svolto il ruolo di Dob (Deployed Operating Base ossia Base di rischieramento), mentre il Campo Volo “XPTZ” di Decimoputzu quello di Pba (Posto base avanzato); l’area montuosa sud-occidentale dell’Isola, comprendente il monte Linas e la zona del Parco Perd’e Pibera, è stata designata come area di effettuazione dell’attività.

Il Pba (Posto base avanzato), approntato dal Comando logistico dell’AM, è stato il “cuore pulsante” delle operazioni, frutto di un notevole sforzo organizzativo e logistico della Forza Armata: con il contributo di tutti i partecipanti, oltre 400 unità, è diventato in pochissimi giorni un vero e proprio eliporto campale adatto a proiettare le capacità di personale e mezzi il più vicino possibile alla zona di esercitazione.

La “Grifone” è un’esercitazione internazionale ed interdipartimentale pianificata e condotta annualmente dall’Aeronautica militare nell’ambito dell’accordo internazionale SarMedOcc (Sar Mediterraneo occidentale). Essa ha lo scopo sia di sviluppare sinergie tra l’Aeronautica militare e gli altri Dicasteri pubblici, sia di migliorare costantemente tecniche e procedure per portare a termine qualsiasi missione di ricerca e soccorso. Tale missione è uno dei compiti d’istituto dell’AM che persegue, eventualmente, anche con l’apporto di assetti interforze, interministeriali o interagenzia.

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

red - 1239177

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili