Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Convegno Anacna (2): intervento introduttivo di Gabrio Forti

Volto a promuovere la sicurezza aerea, grazie ad una ricerca

“Il secondo convegno sulla 'Gestione del rischio aeronautico ed imputazione dell’evento per colpa. Responsabilità penale dell’Air Traffic Controller e prospettive evolutive' organizzata da Anacna e l’Alta scuola 'Federico Stella' sulla giustizia penale, Asgp, ha visto l’intervento introduttivo di Gabrio Forti, direttore dell’Alta scuola. 

Un intervento volto a promuovere la sicurezza aerea, grazie ad una ricerca svolta dai due Enti utile all’intero comparto aereo ed alla legislatura italiana sul tema. 

Questa ricerca ci fa capire i rischi inattesi che nella nostra epoca sfuggono alla legge giuridica. Sfuggendo al rischio, non si riesce a calcolarlo ed a prevederlo. Data l’intensificazione del traffico aereo, bisogna vigilare su questo per saperlo gestire: quindi implementare le verifiche.

Una condizione possibile analizzando attraverso un’attività empirica il traffico aereo ordinario ed straordinario. 

È necessario implementare il sistema dei rischi. Per Forti "ogni elemento svolge una funzione precisa, anche inattesa, dov’è considerato anche l’errore umano". È dunque necessario un approccio costitutivo. 

Forti parla anche di “normalizzazione del disastro”, condizioni esterne che possono responsabilizzare o deresponsabilizzare il guidatore. “Si deve evitare la troppa responsabilità sul guidatore”. Bisogna fornire soluzione in grado di contenere il rischio aereo, promuovendo buone pratiche. 

È stata svolta una ricerca interdisciplinare tra i controllori di Anacna, con interviste di tipo qualitativo che avevano come obiettivo dall’analisi e la condivisione dei dati, allo studio del caso rilevante, fino alla stesura dell’elaborato finale. "Sono stati intervistati 169 controllori di volo di Anacna". 

"Nonostante alcune responsabilità debbano essere attribuite al controllore, la percezione non può essere considerata un fattore rilevante". Le scienze cognitive devono aiutarci a leggere le varie situazioni ed operazioni a rischio. Bisogna distinguere da colpa grave e colpa del singolo.

"Bisogna arrivare ad una risposta, a dei principi fondanti per leggere le varie situazioni”. Questo lo scopo della ricerca.

 Sull'evento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS

LV - 1239535

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili