Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Ue guarda Ucraina e vede il proprio futuro

I temi interconnessi della difesa europea, confini e minacce ibride

Le tensioni secolari tra Russia ed Ucraina si estendono al resto del mondo come le onde di un sasso lanciato in mezzo ad uno stagno. L'onda d'urto è arrivata prima nei Paesi limitrofi con migliaia di migranti sul suolo della Bielorussia filo-moscovita che fanno pressione per entrare in Polonia, quindi in Unione europea. Lentamente le scosse sono arrivate in Medio Oriente, dove alcune compagnie hanno sospeso i collegamenti aerei per impedire alle persone disperate di arrivare sul Vecchio Continente. Infine sono intervenuti Bruxelles e Washington in un reciproco scambio di accuse contro il Cremlino.

Cosa sta succedendo? La Russia sta sfruttando quella che ritiene essere una posizione strategica tra l'Europa e l'Asia, dopo il ripiegamento degli Stati Uniti dall'Afghanistan. L'Unione europea, che soffre soprattutto a causa della frammentazione degli Stati nazionali, guarda all’Europa dell’Est come ad una soluzione, anche se è proprio da li che si generano le sue ferite.

I dossier caldi sono tanti: le forniture di gas all’Europa da parte di Mosca; la pedina Bielorussia; la minaccia di un nuovo conflitto nei Balcani; la concentrazione di armamenti sul confine russo-ucraino: la disinformazione; gli attacchi cyber; le infiltrazioni nelle campagne elettorali da parte russa. In questo contesto il tema della difesa comune europea è divenuto sempre più centrale e per alcuni è una necessità improrogabile. Tuttavia, altri pensano che molto dipenderà dal fatto che la Russia resti o meno un vicino ostile.

Sullo stesso argomento vedi le notizie pubblicate da AVIONEWS 1 e 2.

Gic - 1240685

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Simili