Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Variante Omicron (2): le restrizioni ai viaggi aerei

Dure misure in Germania ed Austria; frontiere chiuse in Israele, Giappone e Marocco

Il timore per la diffusione della variante Omicron del coronavirus ha spinto vari governi a cambiare le regole per i viaggiatori che intendono entrare in certi Paesi. Alcuni operatori del settore aereo pensano che ciò metta a rischio il Natale, altri ritengono che non influirà più di tanto sulla domanda di viaggi. L'Italia e molti altri Stati hanno già introdotto delle restrizioni ai voli internazionali con la chiusura dei collegamenti da e verso alcuni Paesi dell'Africa del sud. Ma qual è la situazione che affronterà chi non intende rinunciare al viaggio di fine anno?

Londra chiede un tampone effettuato prima della partenza. A chi entra in Francia per ora basta il green pass rilasciato da una Nazione dell’Unione europea oppure dovrà mostrare l'esito negativo di un tampone. La certificazione verde sarà fondamentale anche per accedere a musei, cinema, bar e ristoranti, nonché per prendere aerei, treni ed autobus a lunga percorrenza. In Spagna le regole variano a seconda della categoria di rischio in cui si trova il Paese di provenienza. Più rigide le restrizioni in Portogallo che, oltre al green pass, richiede un test molecolare o antigenico prima dell’imbarco. Invece, sarà impossibile visitare l’Austria fino al 12 dicembre a causa di un nuovo lockdown generale. Così come in alcune regioni della Germania come la Sassonia. Infine Israele, Giappone e Marocco hanno sigillato i confini in vista del Natale. 

Sullo stesso argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

Gic - 1240815

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Simili