Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Partito il James Webb Space Telescope

Il viaggio è cominciato il giorno di Natale con il lancio

Tutta l’attesa è stata ripagata. Il James Webb Space Telescope si è alzato in volo il 25 dicembre, quando in Italia erano le 13:20 italiane -giusto in tempo per il pranzo di Natale. Un lancio da manuale, superando le condizioni climatiche avverse che (dopo diversi rinvii nel corso degli anni) avevano fatto slittare il lancio di altre 24 ore. Frutto della collaborazione tra le agenzie spaziali statunitense, europea e canadese, il Webb è stato portato nello spazio da un razzo Ariane 5 dalla base Esa di Kourou.

Anche l’Agenzia spaziale italiana ha partecipato alle operazioni di lancio, monitorando il volo del Webb dalla sua base di Malindi, in Kenya. Qui, al "Luigi Broglio Space Center", il team guidato da Jahjah Munzer dell’Asi ha effettuato il primo contatto con la missione dopo la separazione, seguendo il lanciatore Ariane 5 con l’antenna MLD2A a partire da 22 minuti dal liftoff (l’acquisizione del primo segnale Jwst sarà dopo circa 45 minuti dal liftoff). Nelle prossime ore Malindi sarà la stazione Prime a seguire Webb (per circa 1 ora e 11 minuti), e successivamente diventerà la stazione back-up della base Nasa di Canberra (per circa 2 ore e 15 minuti). Tornerà ad essere la stazione Prime per circa 2 ore e mezzo effettuando anche misure di telemetria e tracking. E così, oltre trent’anni dopo quella prima proposta nel 1989 di costruire un successore di Hubble, il telescopio spaziale di ultima generazione ha finalmente iniziato il suo viaggio verso lo spazio profondo.

Costato circa 10 miliardi di dollari, il Webb è una delle missioni spaziali più attese del nostro secolo. Giungerà dove nessun telescopio è mai arrivato, nel cosiddetto punto lagrangiano L2 a circa un milione e mezzo di chilometri dal nostro pianeta. Questo pone al tempo stesso possibilità osservative e sfide tecnologiche senza precedenti.

Ma, se tutto andrà come previsto, questa missione potrebbe completamente rivoluzionare l’astronomia ad infrarossi.

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

red - 1241243

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili