Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Cambiano i vertici delle partecipate dello Stato

Leonardo offre Cybersecurity ma non difende il sito INPS?

Il governo cerca di recuperare risorse dalle aziende partecipate mentre è di fronte alla decisione sul rinnovo delle cariche di vertice.

La data del 18 aprile non è casuale. E' dettata dalle norme societarie che prevedono che le liste dei candidati debbano essere note 25 giorni prima dell'assemblea.

Le assemblee sono già state calendarizzate: si parte il 13 maggio con Eni e Leonardo, poi il 14 Enel, il 15 Poste Italiane ed il 21 Enav, mentre Terna ha deciso di posticipare l'evento a giugno.

C'è un interesse specifico del governo (e a questo punto del Paese n.d.r.) a realizzare tutto nei tempi previsti, perché le aziende che abbiamo citato e del quale il Ministero dell'Economia e Finanze è azionista, hanno totalizzato dividendi per un totale di 4,2 miliardi di euro, di questi circa un miliardo e cento milioni è destinato alle casse dello Stato. Una somma che in questo momento non è certo inutile.

Interessanti le cifre dei singoli dividendi: Enav 113 milioni, Terna 332 milioni, Poste 402 milioni, Eni 1,540 miliardi, Enel 1,7 miliardi  e Leonardo 822 milioni.  

Sembra tuttavia che il governo non abbia ancora trovato un accordo sui nomi dei super manager. 

Le  diatribe maggiori sarebbero sui successori in Leonardo ed ENI.  Per la seconda si fanno i nomi di Marco Alverà o Stefano Cao oppure si aspetta la riconferma di Claudio Descalzi. Mentre il gruppo aerospaziale potrebbe essere affidato a Francesco Caio che è l'alternato rispetto ad una riconferma di Alessandro Profumo.

Intanto, per il gruppo di piazza di Monte Grappa 4, ci sono da affrontare i problemi accusati dal sito INPS, recentemente violato da un attacco di hacker e che ancora non ha ripreso la piena funzionalità. Infatti, Leonardo fa parte del Raggruppamento Temporaneo d'Imprese (RTI)  ( l'altra è IBM n.d.r.) che tempo addietro ha vinto il contratto per garantire la sicurezza del sito INPS, precedentemente fornito da DXC Tecnology. Guarda caso un recente comunicato dell'azienda, dopo i recenti problemi al sito INPS, riporta che “Dal prossimo 6 aprile, Leonardo offrira' gratuitamente per 2 mesi, un servizio di "Threat Intelligence"

 Chissà se una volta tanto anche le scelte programmatiche inappropriate entreranno tra le motivazioni sui vertici aziendali?

gen - 1229002

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Simili