Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Ryanairizzazione: necessaria o pretestuosa?

Avanzata Ryanair contro tutti governi che non si allineano a richieste low-cost -VIDEO

L'idea di introdurre prezzi minimi per i biglietti aerei è "completamente folle", afferma Michael O'Leary, ceo della compagnia Ryanair. Un prezzo minimo influirebbe sulla libera circolazione delle persone in Europa, dice in una conversazione con "Nieuwsuur", un programma televisivo olandese di attualità. Dopo Austria, anche Olanda propone di fissare un prezzo minimo per i biglietti aerei venduti nei Paesi Bassi. La proposta arriva dalla coalizione politica Verde D66 e ChristenUnie, che ritiene che nessuna aviolinea dovrebbe poter far pagare meno di 34 Euro per biglietto aereo.

“C'è una buona probabilità che dopo la crisi, le compagnie, per mantenere le rotte e per riempire gli aerei faranno acrobazie con i prezzi dei biglietti" ha dichiarato il deputato dei D66 Jan Paternotte, sottolineando la rilevanza della sua preoccupazione, soprattutto in termini ambientali. La proposta di legge potrà quasi certamente contare sul sostegno di tutti i partiti di sinistra, e ci sono buone probabilità che si ottenga la maggioranza anche in parlamento. 

L'obiettivo principale della coalizione verde olandese è assicurarsi che il settore dell'aviazione, come risposta alla crisi Covid-19, diventi più sostenibile dal punto di vista ambientale.

Secondo il ceo della low-cost europea, Michael O'Leary invece, il piano del governo olandese “è folle” e da “Corea del Nord” e rilancia con una battuta di spirito rivolta al governo olandese chiedendo se i Paesi Bassi intendono raddoppiare anche i prezzi in "Ikea" e dei supermercati. "I deputati che chiedono un aumento dei prezzi dei biglietti per proteggere il modello commerciale fallimentare ad alto costo di Klm devono semplicemente dimettersi ed andare a lavorare nella Corea del Nord".

Ryanair, anche in Olanda, così come in tutti gli Stati che cercano di creare un trasporto aereo regolato e rispettoso dei lavoratori, dei diritti dei consumatori e sostenibile a livello ambientale, approfitta per confondere la pubblica opinione, criticando ai governi la decisione di sostenere le nazionali e minaccia di contestare queste decisioni dinanzi alla Corte di giustizia europea. MIchael O’Leary in un’intervista alla televisione olandese, nella quale condannava duramente gli aiuti di Stato ai vettori nazionali, qualche giorno fa aveva ammesso, con parole chiare,  di aver chiuso la base di Eindhoven nei Paesi Bassi come ripicca rispetto all’attività sindacale. I sindacati olandesi, all’esito dell’intervista,  avevano espresso molta preoccupazione per la grave interferenza di queste multinazionali con le politiche nazionali, denunciandole di approfittare della grave crisi economica per generare ed aggravare la crisi sociale già in atto e chiedendo alla Ue di supportare la creazione di un set di norme sociali minime alle quali tutte le compagnie si debbano attenere.

La stessa richiesta viene dai sindacati italiani che proprio in questi giorni, stanno aspettando, insieme a tutti i lavoratori del settore, la decisione del Parlamento italiano, che si dovrà esprimere in merito agli emendamenti relativi al trasporto aereo, arrivati al "Decreto rilancio".

"È necessario...che si approvi questo decreto così com'è e si entri immediatamente nel merito del riassetto del sistema aeroportuale, in modo da riequilibrare la catena di valori”, aveva dichiarato Ivan Viglietti segretario nazionale Uiltrasporti e sulla stessa linea aveva espresso preoccupazione anche Fabrizio Cuscito, segretario nazionale Cgil: “con questi emendamenti si consegnerebbe ancora una volta la possibilità a chi stabilisce la propria sede nei paradisi fiscali di continuare a fare milioni di utili da portare all'estero causando nel contempo disoccupazione e precarizzazione di gran parte dei lavoratori del settore".

Ora l’ultima parola spetta al Parlamento iItaliano, anche se Ryanair e le altre low-cost, attraverso la neonata Associazione Aicalf, potrebbero riservare ulteriori sorprese.

Video
aa - 1230272

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Simili