Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Iberia confida nell'estate: "La stagione sarà più o meno normale"

Mancano ancora i dettagli sui collegamenti aerei

La luce in fondo al tunnel è ancora fioca, ma pur sempre visibile: si può riassumere in questa maniera il punto di vista attuale del vettore aereo Iberia, la quale è stata colpita come molte altre compagnie, dalla crisi innescata dalla pandemia da coronavirus (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). L’ottimismo, però, non manca. Secondo Guillermo Gonzalez Vallina, direttore commerciale dell’aviolinea spagnola, si può nutrire una moderata fiducia per il futuro più imminente, visto che ci si aspetta una stagione estiva “più o meno normale”. Non sono stati forniti dettagli in merito alla programmazione dei prossimi mesi, ma il manager ha sottolineato come i collegamenti aerei potrebbero essere in numero maggiore rispetto a quanto previsto inizialmente. La capacità attuale del vettore iberico è al 40% dei livelli del 2019, anche se si sta lavorando parecchio per aumentare ancora questa percentuale. L’ottimismo di Gonzalez Vallina si basa soprattutto sull’attuale evoluzione della campagna vaccinale e sull’accelerazione che dovrebbe registrarsi a breve, senza dimenticare il progressivo miglioramento delle condizioni meteorologiche. D’altronde, Iberia è risultata la compagnia di Iag (International Airlines Group) con il minor calo dei ricavi in tempo di emergenza sanitaria: c’è stata, infatti, una perdita su base annua pari a 60 punti percentuali, visto che nel 2019 il totale era stato molto vicino ai 3,4 miliardi di Euro, una magra consolazione ed al tempo stesso un incoraggiante punto di partenza.

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS.

Sr - 1235695

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili