Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Aeroporti 2030 presenta documento programmatico ad Enac

Obiettivo è decarbonizzazione scali entro il prossimo decennio

Aeroporti 2030 ha suggerito una “ricetta” ben precisa per il trasporto aereo del futuro, incentrato sullo sviluppo dell’energia rinnovabile al 100%, senza dimenticare la mobilità elettrica. L’ente raggruppa gli scali di Roma, Venezia, Treviso, Verona, Brescia ed ha proposto in queste ultime ore il proprio documento programmatico ai ministri delle Infrastrutture, Enrico Giovannini, a quello della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, oltre al presidente dell'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile, Pierluigi Di Palma, ed al direttore generale dell’Enac stesso, Alessio Quaranta. Questo modello prevede la creazione di un ente certificatore non diverso da quello che è stato istituito negli Stati Uniti (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS), senza dimenticare un sistema di tariffe aeroportuali con bonus-malus legati all’impiego di bio-carburanti. L’associazione ha le idee molto chiare in tal senso, con il rispetto dell’ambiente che viene prima di tutto, passando infatti anche dal minor consumo di acqua e dallo sviluppo di progetti di economia circolare. La transizione digitale, comunque, non deve venire in secondo piano. Aeroporti 2030 ha proposto di dare un’accelerata all’uso di tecnologie di tipo biometrico, nello specifico il controllo del viso per rendere più agevoli le procedure d’imbarco: inoltre, l’intelligenza artificiale sarà preziosa per garantire maggiore sicurezza ed automazione nei processi. Che cosa ci si deve attendere per gli scali del futuro dunque? L’associazione ritiene che la loro visione debba essere improntata al trasporto intermodale, dando la precedenza alla sostenibilità e all’innovazione. La completa decarbonizzazione degli aeroporti è un obiettivo reale e concreto? Aeroporti 2030 ne è convinta, con il 2030 che è appunto l’anno in cui dovrebbe giungere a conclusione questo processo, mentre per i vettori aerei bisognerebbe attendere il 2050. 

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS

Sr - 1238424

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili