Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Save ed AdR lasciano Assaeroporti

Motivo legato all'avvicendamento guida associata Confindustria

Save ed Aeroporti di Roma, rispettivamente gestori dello scalo "Marco Polo" di Venezia e degli scali della capitale "Leonardo da Vinci" di Fiumicino e "Giovan Battista Pastine" di Ciampino hanno abbandonato Assaeroporti. È accaduto nei giorni scorsi, come diretta conseguenza dell'avvicendamento alla guida dell'associata di Confindustria. I due soggetti due mesi fa avevano creato l'associazione Aeroporti 2030.

La decisione è maturata dopo che Fabrizio Palenzona, ex-presidente di Aeroporti di Roma (AdR), alcuni mesi fa ha lasciato la guida di Assaeroporti dopo otto anni. Un abbandono seguito all'annuncio del presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, che ha chiesto la nomina di un successore, pena il commissariamento per il superamento dei due mandati. La carica oggi è ricoperta da Carlo Borgomeo, presidente di Gesac che gestisce lo scalo di Napoli. Tra i papabili figurava anche il vicepresidente di Save, Angelo Piazza, sostenuto da AdR. Si comprende così lo strappo.

Assaeroporti, fondata nel 1967, è un'associazione che riunisce una trentina tra i principali gestori aeroportuali operanti in circa 60 aeroporti civili italiani. Raduna circa il 60 per cento del traffico aereo del sistema aeroportuale nazionale. Si occupa di sviluppare il settore e di rappresentare i soci nelle sedi istituzionali, in Italia ed in Europa.

Aeroporti 2030, presieduta da Alfonso Celotto, raggruppa invece cinque aeroporti: oltre a Roma-Fiumicino, Roma-Ciampino e Venezia, anche lo scalo "Valerio Catullo" di Verona-Villafranca, il "Gabriele D'Annunzio" di Brescia-Montichiari, ed "Antonio Canova" di Treviso-Sant'Angelo. Rappresenta complessivamente il 40 per cento del traffico aereo italiano.

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS

Gic - 1239184

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili