Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Il caso Ita-Alitalia irrompe in commissione Trasporti Camera

Donato (Lega): "Il Parlamento abbia un sussulto di dignità"

Oggi presso la commissione Trasporti della Camera dei deputati è stata discussa la conversione in legge del Decreto Infrastrutture. Si tratta di una prima serie di letture che avverrà anche in commissione Ambiente, sempre a Montecitorio. Durante questi appuntamenti il testo potrebbe recepire importanti novità anche sul foglio rosa ed i monopattini. Il testo scade il 9 novembre. Tuttavia, nonostante le importanti novità, la delicata transizione da Alitalia ad Ita Airways resta al centro del dibattito politico.

"Mi auguro sinceramente che il Parlamento abbia un sussulto di dignità e non avalli la mattanza dei lavoratori Alitalia promossa dal Governo Draghi". "La vicenda Alitalia-Ita oltre ad essere umiliante per il Paese, è emblematica del fallimento della politica industriale del Governo Draghi ed in particolare dell'inconsistenza dei ministri che hanno gestito il dossier: è chiaro a tutti che l'obiettivo è sempre stato quello di far fallire Alitalia per realizzare una 'low-cost' di proprietà dello Stato, da svendere poi ad uno dei colossi europei del settore", ha affermato l'europarlamentare Francesca Donato intervenendo sulla conversione del Decreto Infrastrutture.

"La neonata Ita Airways infatti mostra sin dal suo esordio tutte le debolezze e l'inadeguatezza di una compagnia di dimensione regionale che dovrebbe competere nel mercato internazionale. Alla demolizione e svendita di uno degli asset strategici più essenziali per l'economia del Paese, si aggiunge l'aspetto altrettanto grave della volontà del Governo di fare carne da macello delle lavoratrici e lavoratori di Alitalia, chiedendo con l'articolo 7 del decreto infrastrutture di cancellare le tutele occupazionali consentendo salari dimezzati ed oltre 8 mila esuberi". "Faccio appello ai deputati di tutte le forze politiche perché fermino la mattanza dei lavoratori di Alitalia voluta da Draghi, messa in atto da Altavilla e pagata con ben 3 miliardi dei contribuenti", ha concluso.

Gic - 1239881

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Simili