Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

AMI: generale Luca Goretti è il nuovo capo di Stato Maggiore

Subentrato al generale di Squadra Aerea Alberto Rosso

La cerimonia di avvicendamento al vertice dell'Aeronautica militare tra il generale di Squadra Aerea Alberto Rosso ed il parigrado Luca Goretti ha avuto luogo ieri mattina presso l'aeroporto militare di Roma-Ciampino, sede del 31esimo Stormo, alla presenza del ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, e del capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli. All'evento hanno partecipato i vertici militari e numerose Autorità politiche, civili e religiose.

Nel suo discorso di commiato, il generale Rosso, dopo tre anni alla guida della Forza Armata, ha voluto ripercorrere l'intenso periodo vissuto: "Sono stati tre anni non facili, segnati in buona parte da sfide improvvise ed inaspettate, che hanno messo alla prova le capacità dell’AM, ma forse proprio per questo sono stati tre anni densi di soddisfazioni straordinarie". Ha poi continuato sottolineando "quanto è stato fatto guardando lontano, al futuro, ai nuovi domini dello spazio e cibernetico, implementando nuove capacità, lanciando nuovi programmi e cooperazioni, preparandoci alle sfide ipotizzabili ed impreviste; [...] quanto è stato fatto guardando al presente, per essere pronti, capaci, credibili negli impegni quotidiani in casa ed all’estero, per rispondere tempestivamente e con efficacia agli imprevisti, alle crisi, alle emergenze, agli impegni, fondamentali e vitali, che dobbiamo assicurare ogni giorno, 24 ore al giorno, senza soluzione di continuità, al fianco delle altre forze armate, assieme alle altre istituzioni, in sintonia con i Paesi alleati ed amici" ed infine quanto è stato fatto "guardando al passato, alla nostra storia, alle nostre tradizioni, per valorizzare le nostre radici, per rafforzare l’orgoglio di appartenenza, per consolidare il senso di famiglia e di fierezza per ciò che siamo stati e per ciò che siamo".

Il generale Rosso ha definito i suoi ”oltre 43 anni in AM fantastici ed entusiasmanti, vissuti intensamente, letteralmente volati. Un filosofo cattolico ha detto che la gratitudine è la misura della felicità ed è proprio questo il sentimento prevalente oggi. Se guardo indietro e scorro la mia vita sono ben consapevole di essere un privilegiato. Sono riuscito a coronare nella vita quello che era il mio sogno di bambino e la mia passione: volare. L’Aeronautica mi ha permesso di crescere, mi ha formato, mi ha offerto opportunità straordinarie, professionali ed umane. Ma se guardo indietro, in tutta la mia vita in azzurro -ha concluso- la soddisfazione e la ricchezza più grande che ho ricevuto me l'ha data il personale. L’ho ricevuta dai miei superiori, dai colleghi, dai subordinati con i quali abbiamo condiviso difficoltà e sfide; soddisfazioni e successi, gioie e dolore. La complicità che si instaura naturalmente tra chi fa parte della stessa squadra, tra chi ama la stessa vita, tra chi ha deciso di fare lo stesso giuramento e ha servito, sudato, gioito, sofferto, e lottato assieme, il senso e l’orgoglio di appartenenza sono ricchezze impagabili, che non hanno prezzo, che riempiono il cuore ed è la cosa più cara e preziosa che porterò sempre con me.

Dopo la lettura dell'ordine del giorno ed il passaggio della Bandiera di guerra dell'Aeronautica militare dal capo di SMA uscente al subentrante, ha preso la parola il generale di Squadra Aerea Luca Goretti che nel corso del suo intervento ha sottolineato come nel suo mandato intende “condurre questa meravigliosa squadra azzurra, nel segno della continuità, verso traguardi e mete sempre più prestigiose". Una sfida che sarà basata su "valori e principi come educazione, serietà, onestà, pazienza, saper ascoltare, controllo, spirito di squadra: fondamentali per chi è al servizio dello Stato e soprattutto per chi indossa le stellette".

Il generale Goretti ha poi voluto ringraziare il generale Rosso: "La tua sicurezza, la tua determinazione e l’assoluta priorità per l’Aeronautica militare hanno rappresentato, per il mio quotidiano operare, una serenità e una tranquillità che hanno consentito il raggiungimento degli obiettivi fissati in perfetta armonia interna ed esterna alla Forza armata". Ha poi concluso dicendo: "Dobbiamo andare avanti così ed auspico che le Istituzioni assicurino le adeguate risorse umane e finanziarie per sostenere questa grande realtà militare. L’Aeronautica militare con il suo personale, lo ripeto, c’è e sarà sempre pronta. Noi vogliamo continuare ad addestrarci con la necessaria esigenza quantitativa e qualitativa delle capacità che siamo in grado di esprimere".

Il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli, nel corso del suo intervento ha sottolineato come “L’avvicendamento nella carica di capo di Stato Maggiore dell’AMI rappresenta un evento di assoluta rilevanza per la Forza Armata ed un momento di grande intensità che io stesso ho avuto il privilegio di poter vivere in prima persona". Inoltre ha aggiunto: “voglio ringraziarti, Alberto, per la continuità che hai dato alla mia azione di comando e per l’ulteriore spinta innovatrice che hai saputo imprimere nel far evolvere l’Aeronautica verso un modello integrato di difesa collettiva, sviluppando in parallelo cooperazioni efficaci con le principali istituzioni del Paese”. Infine, rivolgendosi al generale Goretti, il capo di Stato Maggiore della Difesa ha così espresso il proprio augurio: “Caro Luca ti appresti a guidare l’Aeronautica militare in un periodo impegnativo e carico di sfide, tecnologiche e culturali, ma conoscendo le tue doti e capacità, la tua ammirevole forza di volontà, il tuo carisma e gli elevatissimi ideali che ti animano sono certo che saprai essere capo e leader illuminato continuando nel solco tracciato negli anni”.

Nel suo intervento, il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha evidenziato che “L’Aeronautica militare è uno dei pilastri istituzionali del sistema di difesa e sicurezza nazionale ed euro-atlantica. Sempre presente laddove è necessario a protezione dell'interesse strategico dell'Italia ed a garanzia della sicurezza dei nostri cittadini.

L’Arma Azzurra ha iscritto nel Dna l'obbligo di guardare al domani, dove lo sviluppo tecnologico cresce a ritmo esponenziale. Questo il compito più qualificante che ci spetta: vivere il presente anticipando il futuro, per rimanere un riferimento sicuro del Paese, un asse portante sempre pronto all'impiego".

Nella mattinata, i generali Rosso e Goretti hanno deposto una corona di alloro ai caduti dell’Aeronautica militare presso il Lapidario dei Tre Archi a Palazzo Aeronautica, a Roma.

Successivamente, si sono recati al Quirinale dove sono stati ricevuti dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

Galleria fotografica Palazzo del Quirinale 28/10/2021 il presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il generale Squadra Aerea Alberto Rosso ed il parigrado Luca Goretti, rispettivamente capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica uscente e subentrante
red - 1239991

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili