Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Morte di Kobe Bryant: difficile recupero corpi

Nessuna scatola nera a bordo

Si arricchisce di particolari la notizia della morte del campione di basket Kobe Bryant e sua figlia (vedi AVIONEWS). Le foto che circolano sui social il giorno dopo che è precipitato l'elicottero Sikorsky S-76, marche N72EX, mostrano il relitto in fiamme. Da recenti informazioni il pilota avrebbe comunicato ai controllori del traffico aereo che stava cercando di evitare uno strato di fitta nebbia ed avrebbe richiesto assistenza radar, ma sembrerebbe che l'aeromobile non fosse rintracciabile. La scarsa visibilità può aver completamente disorientato il comandante. Sembrerebbe che non ci fosse nessuna scatola nera a bordo, trovato invece un i-Pad che è stato utilizzato per l'itinerario di volo. La macchina ad ala rotante si è schiantata a 300 km/h sopra una collina all’altezza di 420 metri. Le condizioni di quel terreno stanno rendendo molto difficile il recupero dei corpi.

Tra le vittime anche l’allenatore di baseball John Altobelli, la moglie Keri e la figlia Alissya di 13 anni. A perdere la vita anche anche Christina Mauser, allenatrice di pallavolo femminile e suo marito.

RC3 - 1227335

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Collegate
Simili