Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Faa gela Branson e Bezos: "Non siete astronauti"

La precisazione dopo le ultime due missioni spaziali

I primi due voli turistici spaziali sono stati portati a termine: Richard Branson, patron del marchio Virgin, e Jeff Bezos, numero uno di Amazon, sono stati protagonisti di missioni che hanno stupito il mondo e tenuto incollati davanti alla tv oppure al pc tantissime persone (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). I due imprenditori non possono però ancora considerarsi dei veri e propri astronauti, nonostante l’invidiabile esperienza. La Federal Aviation Administration (Faa) ha voluto precisare proprio questo aspetto nelle ultime ore. Anche una buona parte della stampa ha utilizzato i termini che si usano per le normali missioni spaziali, però Faa ha ribadito come siano necessari requisiti ben precisi. In base a quanto riferito dall’ente americano, infatti, un astronauta commerciale è colui che ha raggiunto gli 80 chilometri di distanza dalla superficie terrestre. Bezos e Branson hanno soddisfatto questa richiesta con i rispetti voli, peccato che non sia una condizione sufficiente. L’astronauta, infatti, “durante il volo deve compiere delle attività che sono essenziali per la sicurezza pubblica, oppure contribuire alla sicurezza dei voli spaziali”. Le parole utilizzate sono molto chiare, entrambi i milionari hanno semplicemente preso parte ad un volo, ma niente di più e non sono quindi degli astronauti come quando si descrive il lavoro di Samantha Cristoforetti o Luca Parmitano, tanto per citare due esempi a noi italiani molto cari. Le novità sono state introdotte da Faa per dare la precedenza alla questione della sicurezza pubblica nel corso delle missioni spaziali di tipo commerciale. 

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS

Sr - 1238137

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili