It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

La Svezia nel programma nuovo aereo Tempest

Ufficializzata l'intesa col Regno Unito per il caccia sesta generazione al "Riat 2019"

Il ministro britannico della difesa Stuart Andrew e l'omologo svedese Peter Hultqvist, hanno confermato ufficialmente al "Royal International Air Tattoo"  (Riat) la firma di un accordo grazie al quale entrambi lavoreranno insieme allo sviluppo di nuove tecnologie per il futuro aereo da combattimento Tempest, destinato a sostituire gli Eurofighter Typhoon della Royal Air Force, ed alla luce dell'intesa, anche i Saab Jas-39 Gripen svedesi forse già a partire dal  2030-35. Una conferma attesa, data di fronte ad una platea di rappresentanti del settore provenienti da tutto il mondo  quasi un anno dopo che il governo di Londra aveva annunciato l'intenzione di investire 1,9 miliardi di sterline in tecnologie associate a un futuro caccia, nel cui programma la Svezia per l'appunto potrà mettere in campo le sue competenze in ambito di guerra elettronica sviluppate nella realizzazione dei Saab Gripen E. Un programma quello del caccia europeo, o meglio un consorzio noto come  Team Tempest, che già vede la partecipazione di diversi attori importanti del settore aerospaziale britannico, tra cui BAE Systems, Leonardo (con la sua sussidiaria britannica), Mbda e il produttore di motori Rolls-Royce.

"Riat 2019", una delle più grandi manifestazioni aeree militari al mondo che si tiene annualmente durante il terzo fine settimana di luglio presso la base Raf di Fairford, nel Regno Unito, è stata la cornice ideale per la conferma dell'intesa che sancisce l'ingresso della Svezia in quello che sarà il caccia multiruolo stealth  di sesta generazione per il quale Stoccolma sembra essere intenzionata ad investire quale primo partner internazionale del consorzio, un paio di miliardi.

Il TeamTempest è stato lanciato dopo il fallimento dei colloqui con Francia e Germania per l'adesione al programma oggi concorrente di un caccia europeo noto come Future Combat Air System (Fcas, che vede coinvolti Airbus e Dassault, con la recente adesione della Spagna, vedi AVIONEWS).  Tra le Nazioni favorite al probabile ingresso nel Tempest figurano il Giappone e l'Italia (vedi AVIONEWS). In forse la Turchia dopo l'accettazione delle consegne  del sistema antiaereo russo S-400.

CTim - 1223214

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Related