It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Russia: il capo di United Aircraft Corporation incontra Putin

Per riferire sulla produzione d'aerei del polo industriale aerospaziale nazionale Uac

Ieri Yury Slyusar, presidente della russa United Aircraft Corporation, realtà industriale che riunisce una trentina di aziende aeronautiche e aerospaziali nazionali e parte di Rostec State Corporation, ha incontrato il presidente Vladimir Putin. Nella riunione di lavoro questi ha riferito circa lo stato di avanzamento del recupero finanziario del polo, e in merito ai programmi degli aerei attualmente in fase di costruzione, aggiornamento o di sviluppo nei diversi impianti dislocati nel Paese. 

Di particolare interesse per AVIONEWS sono stati i dettagli dei nuovi mezzi che presto solcheranno i cieli in fase di test. Li riportiamo così come Slyusar li ha illustrati:

- Il-114-300 con motore TV7-117ST: l'aereo è già stato assemblato, è in fase di test a terra e si sta preparando al  volo inaugurale previsto per settembre, come da programma a Zhukovsky, nella regione di Mosca. Parallelamente alla preparazione del primo volo, sono in corso prove al banco e prove a terra. E' stato anche  creato un sistema di assistenza post-vendita, nonché una struttura di addestramento per piloti e tecnici.  Secondo le specifiche descritte,  la macchina  è progettata per 68 passeggeri e volerà ad una velocità di 500 km/h. Può utilizzare piste non asfaltate, non richiede molte attrezzature a terra, ed ha un sistema di manutenzione integrato. Nello stabilimento aeronautico di Lukhovitsy, Uac prevede di produrne fino a 12 esemplari l'anno. "Questo modello sarà molto richiesto perché è fortemente necessario in particolare nelle regioni remote. Degno sostituto degli Antonov An-24 e dei Q-400  canadesi. Oltre alla versione civile, prevediamo di realizzare un'altra versione per i nostri clienti speciali", ha detto Slyusar

- Il secondo debutto nell'anno sarà il decollo a Taganrog (probabilmente a fine agosto),  di una variante profondamente modernizzata del noto Tu-95, ovvero un vettore missilistico su cui sono installati nuovi sistemi d'arma e nuovo equipaggiamento di bordo, oltre a motori modificati. "Le capacità di combattimento dopo la modernizzazione sono raddoppiate. La nuova versione non si basa solo sulla vecchia cellula. Ma l'abbiamo modificata e rinforzato le ali ". Prosegue Slyusar: "Il mezzo ha nuovi armamenti, nuove apparecchiature elettroniche di bordo, nuovi motori modificati,e  nuove eliche. Dopo le prove di volo seguiranno altri test e stiamo pianificando un importante aggiornamento dell'intera flotta di vettori missilistici strategici di lungo raggio, e proseguiremo lungo questo percorso". 

Sukhoi S-70 Okhotnik-B "Hunter-B", Ucav (Unmanned combat aerial vehicle, Veicolo aereo da combattimento senza pilota a controllo remoto).  Il presidente di Uac lo descrive così: "il nostro drone pesante d'attacco con capacità senza precedenti, con il più grande raggio di volo di combattimento, la più vasta gamma di armi, la più vasta gamma di equipaggiamento. Gli aerei di questa classe sono progettati e fabbricati solo da due Paesi, gli Stati Uniti e la Cina. Il ministero della difesa ci ha incaricati di accelerare il più possibile la progettazione e i test  in modo che le consegne inizino già nel 2024. Pertanto, ora stiamo lavorando attivamente a questo programma".

- Un altro importante lancio previsto anch'esso per quest'anno è il volo dell'MC-21 (o MS-21, velivolo civile di linea a fusoliera stretta di corto e medio raggio), con motore PD-14 di fabbricazione russa. "Dobbiamo completare il progetto entro la fine di quest'anno. I nuovi motori sono già stati installati sull'aeromobile nell'impianto di Irkutsk, ed ora stanno subendo le prove necessarie, quindi in effetti il nuovo velivolo MC-21 con il più recente motore PD-14 già certificato (vedi notizia AVIONEWS), volerà presto. Si prevede la sua entrata in servizio per il 2021, ovvero con un anno di ritardo rispetto alle previsioni a causa degli effetti delle sanzioni Usa su fornitori e impianti di produzione (vedasi AVIONEWS).

CTim - 1231057

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Similar