It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Iran rivendica leadership radar e aerei militari

Forze armate e media locali ne parlano da giorni

Affermazioni che somigliano tanto a provocazioni: i media dell’Iran hanno diffuso in queste ultime ore alcune dichiarazioni di Ali Hajizadeh, generale delle guardie rivoluzionarie islamiche, secondo cui la Nazione asiatica sarebbe leader mondiale nelle tecnologie radar e per quel che riguarda gli aerei militari. Gli esperti di geopolitica ritengono si tratti di un messaggio chiaro a Paesi come gli Stati Uniti ed Israele (con cui i rapporti sono notoriamente tesi), ma a cosa si è riferito di preciso il generale? Sono state sottolineate soprattutto le maggiori capacità raggiunte da Teheran che potrebbero permettere nei prossimi anni di installare nuove stazioni radar. I numeri sono stati sciorinati con una certa spavalderia: secondo Hajizadeh, l’autonomia del sistema più sofisticato che viene utilizzato è pari a 350 chilometri, ma può arrivare fino a mille chilometri a seconda delle altitudini. 

Proprio per tale motivo l’Iran è intenzionato a sfornare nuovi missili e droni per uno sviluppo ulteriore del comparto industriale militare. I primi sistemi radar a lungo raggio sono stati installati nel 2014, nello specifico a Garmasar, nella parte orientale del Paese e fin da quel momento è stato annunciato che l’impiego poteva ritornare utile per la cosiddetta “guerra elettronica” (leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS). Tra l’altro, la tecnologia iraniana potrebbe essere sfruttata in futuro da alleati come Yemen, Iraq e Siria.

Sr - 1232459

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar