It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

"Irini": incontri ammiraglio Agostini con primo ministro ed altri ministri a Tripoli

Il comandante dell'operazione si è recato in Libia nei giorni scorsi

L’ammiraglio Fabio Agostini, insieme con l’ambasciatore europeo José Antonio Sabadell, si è recato a Tripoli per incontri ufficiali dal 16 al 18 novembre. Agostini, comandante dell’operazione "Irini", ha incontrato Fayez Al-Sarraj, primo ministro del governo di unità nazionale libico, e diversi altri ministri locali Salahedin Al Namroush (difesa), Fathi Bashagha (interno), Mohamed Syala (affari esteri) ed esponenti della commissione speciale sulla Libia.

Durante l’incontro l’ammiraglio ha presentato il mandato, il ruolo e la cornice legale entro cui lavora l’operazione "Irini", sottolineando la sua imparzialità verso le parti in Libia mostrando l’evidenza dei risultati raggiunti.

Il comandante, riprendendo le parole dell’ambasciatore Sabadell, ha anche sottolineato il fatto che l'operazione è l’unico attore internazionale che sta implementando l’embargo Onu alla Libia in pieno supporto del processo di pace di Berlino.

La delegazione ha spiegato che "Irini" intende arginare ogni tipo di traffico illecito di armi perpetrato in mare, in aria e via terra -indipendentemente dagli autori- con l’obiettivo di fermare il flusso di armi ed aprire la strada ad una diplomazia efficace che porti alla stabilità, alla pace ed alla prosperità del popolo libico.

In questo contesto l’ammiraglio ha anche incoraggiato le controparti libiche a riprendere l’attività di formazione a supporto della guardia costiera e della marina locali, al fine di potenziarne ulteriormente le capacità, necessarie per garantire la piena titolarità della sicurezza nell’area di responsabilità marittima, compresa l’autogestione di tutti gli eventi Solas (Safety Of Life At Sea).

L'addestramento della guardia costiera e della marina libiche fornito dall'operazione aumenterà in modo decisivo la sicurezza delle acque antistanti la Libia e rassicurerà la comunità internazionale nella navigazione, contribuendo alla ripresa dell’economia locale.

In un momento così complesso è necessario che tutti gli attori coinvolti nel processo per dare un futuro stabile alla Libia mettano in campo energie e visione per un cambiamento reale.

red - 1233409

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Similar