It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Aeroporto di Stoccolma-Bromma chiude definitivamente i battenti

Il covid-19 ha accelerato una scelta prevista per il 2038

Tra le tante “vittime” del settore aereo che sono state mietute dal coronavirus c’è anche uno scalo scandinavo di cui non si parlava da tempo. Si sta parlando dell’aeroporto di Stoccolma-Bromma, a circa sette chilometri dalla capitale della Svezia (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). L’hub in questione è stato costretto ad annunciare la propria chiusura definitiva, come deciso dal governo locale per motivi che sono facili da intuire. Nonostante la sua centralità e la storia (il debutto ufficiale risale al 1936 per la precisione), le difficoltà che si sono create in seguito alla pandemia da covid-19 hanno avuto la meglio. Eppure nel 2019 era riuscito a gestire 2,5 milioni di passeggeri (i residenti in Svezia sono circa 10 milioni secondo le ultime statistiche ufficiali), un totale più che significativo per un Paese come quello nordico. Lo scorso mese di marzo, invece, le persone transitate da queste parti erano il 97% in meno su base annua, un vero e proprio tracollo. Gli abitanti di Stoccolma hanno iniziato a dare la precedenza ad un altro aeroporto, quello commerciale di Arlanda, alle prese comunque con un -70% che non fa dormire sonni tranquilli. Vale la pena ricordare come l’esecutivo svedese avesse intenzioni ben precise per Bromma prima che l’emergenza sanitaria diventasse di stretta attualità: si puntava infatti a chiudere lo scalo nel 2038, un orizzonte temporale più tranquillo per un passaggio di consegne inevitabile che però è stato accelerato in modo inevitabile. 

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS

Sr - 1236519

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar