It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Perché Gian Carlo Zeni ha incontrato le altre compagnie italiane?

Qual è la strategia di Alitalia in as sul mercato di breve e di medio raggio?

A quanto risulta ad AVIONEWS, venerdì scorso si è svolta una riunione riservata negli uffici Alitalia di Fiumicino alla quale hanno partecipato il dg di Alitalia Gian Carlo Zeni, l’ad di Blu Panorama Luca Patanè, l’ad di Air Dolomiti Joerg Eberhart ed il presidente di Neos Lupo Rattazzi. Pare che abbiano elaborato un piano di collaborazione.

Fra lunedì e martedì il dg di AZ incontrerà alcuni gruppi parlamentari e, fra le altre cose, dovrebbe presentare un progetto incentrato sui code-sharing. Il piano pare preveda, ad esempio, l’accordo per la London City con Blue Panorama mentre per slot da Milano-Linate sarebbero coinvolti Neos ed Air Dolomiti.

Se così stessero le cose verrebbe da chiedersi se è giusto e utile che un’azienda in amministrazione straordinaria, che ha come compito principale quello di proteggere i diritti dei creditori, si impegni in accordi che impegnano il futuro della newco (che dovrà costruire le sue strategie liberamente). I tre miliardi che lo Stato investirà in Alitalia dovranno servire per il rilancio della compagnia ed ogni accordo che rischia di deviare traffico su altre compagnie andrebbe a detrimento dell’investimento e dei lavoratori.

O si tratta di un piano che ha la “copertura” del Governo? E in questo caso: perché?

NB - 1230141

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Similar