It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

AVIONEWS intervista onorevole Edoardo Rixi su Alitalia (3)

L’esponente della Lega ha commentato la situazione della compagnia aerea

La redazione di AVIONEWS ha intervistato l’onorevole Edoardo Rixi, responsabile nazionale della Lega per le Infrastrutture ed ex-Vice ministro ai Trasporti sulla complessa questione Alitalia e sulle prospettive della futura compagnia di bandiera (vedi anche l'articolo pubblicato da AVIONEWS).

Cosa ne pensa di quanto sta accadendo nelle ultime settimane ad Alitalia?

"Nonostante il cambio della guardia in commissione Trasporti alla Camera, non c’è stata alcuna convocazione per un resoconto del commissario della compagnia su come sono stati spesi i soldi. Non abbiamo dati reali e senza di questi non si può neanche parlare di trasporto aereo".

Non dovrebbe esserci almeno una relazione al ministero Sviluppo Economico, il più direttamente interessato?

"C’è una superficialità imbarazzante perché si sta parlando pur sempre di una compagnia di bandiera. Lo scaricabarile tra ministri e commissario è evidente, però nessuno si assume le responsabilità. Vogliamo sapere qual è la prospettiva da seguire per Alitalia. Si era parlato anche del cargo, ma non sono stati fatti passi in avanti, dunque apriremo un tavolo con i sindacati per capire cosa sta accadendo in questo settore che per l’Italia è fondamentale".

Cosa ne pensa della Newco e delle nomine dettate tramite Facebook?

"Questo atteggiamento denota pressapochismo e poca serietà, sia in merito alle scelte che alle strategie, del tutto improvvisate e prive di analisi approfondite di una situazione che si trascina da anni. Con i soldi del Parlamento ci aspettavamo un colpo di reni e ci sorprende che il Governo non riferisca, preferendo agire con spot sui social che non servono a nulla".

Il referendum, la riduzione dei parlamentari e i voti regionali potranno cambiare la situazione?

"Non so, la fanta-politica non mi interessa. Non sappiamo cosa accadrà, compagnie e lavoratori non possono essere lasciati in balia di cambiamenti governativi: serve un confronto sereno con le commissioni preposte".

Lei è stato vice ministro ai Trasporti, ci può dire se il cambiamento di Enac in Epe potrà influire positivamente sulla compagnia?

"Non mi convince del tutto questa trasformazione, di certo non sono ottimista. Continuo a non capire le scelte del Governo e non so a cosa potrà portare l’Epe".

Fra pochi giorni dovrebbe cambiare il vertice di Art (Autorità di regolazione dei trasporti), cosa ne pensa?

"Mi auguro che sia un cambio positivo, ho delle perplessità su Art e su quelle authority che non vengono scelte dai cittadini. Le strategie vanno sempre condivise, posso sperare che ci saranno persone prive di interessi nei singoli settori. Art sta aumentando a dismisura le sue competenze e questo non è incoraggiante".

Infine, può spiegarci come vede il futuro dei lavoratori di Alitalia e Air Italy?

"Sono preoccupato, il Governo aveva dato delle garanzie, noi avevamo anche proposto un fondo, però non ci sono ancora misure convincenti. Proporremo un tavolo tra le parti, anche se è imbarazzante che in Italia sia l’opposizione a occuparsi di questi problemi".

sr - 1231358

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar