It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Operazione "Irini": nave "Margottini" nuova unità sede comando forza aeronavale

In sostituzione della nave anfibia "San Giorgio"

Nave "Margottini" della Marina militare è da ieri la nuova flagship dell'operazione Eunavfor Med "Irini" in sostituzione dell’unità anfibia "San Giorgio". Da bordo il contrammiraglio Ettore Socci, il Force Commander della forza aeronavale, guiderà gli assetti in area di operazione fino al 18 ottobre. Dal giorno dopo, il comando in mare passerà alla Grecia per sei mesi, mentre il comando della missione resterà all’Italia, nella persona dell’ammiraglio Fabio Agostini, che guida l’operazione dal quartier generale a Roma-Centocelle.

Il saluto a nave "San Giorgio"

“Bravo Zulu all’equipaggio di nave San Giorgio” ha affermato l’ammiraglio Fabio Agostini durante la cerimonia di saluto, che si è tenuta a Brindisi il 2 settembre. “Bravo Zulu” è il termine marinaresco per dire: “Ottimo lavoro”. L’Operation Commander Agostini ha ricordato nel discorso i risultati della nave italiana, che ha percorso 6397 miglia ed è stata per 38 giorni nell’area d’operazione, interrogando 129 navi mercantili in transito (“hailing” in termine tecnico) ed effettuando una visita a bordo di un mercantile (“friendly approach”). Durante la cerimonia sono state consegnate le onorificenze di "Irini" ad alcuni membri d’equipaggio, quale riconoscimento del lavoro svolto durante il periodo di impiego nella missione.

I risultati dell’operazione

Dal 4 maggio, giorno dell’inizio delle attività in mare, gli assetti "Irini" hanno interrogato 600 navi sospette e hanno effettuato 12 visite a mercantili per ottenere informazioni sui traffici illeciti nel Mediterraneo centrale. "Irini" -grazie anche al lavoro dell’intelligence e di SatCen, che ha fornito oltre 200 album di immagini satellitari- controlla oltre 10 porti e punti d’approdo e 25 aeroporti e piste d’atterraggio. In questi quattro mesi, non solo ha monitorato le navi sospette, ma ha anche segnalato la presenza di 80 voli di interesse da e per la Libia, contribuendo ad implementare l’embargo di armi e il controllo del traffico illecito di petrolio con 14 rapporti, consegnati al Panel di esperti delle Nazioni Unite.

L’operazione Irini (in greco “pace”) è stata pianificata in pochissimo tempo e lanciata il 31 marzo a seguito di una decisione del Consiglio dell’Unione europea. Il compito principale è quello di far rispettare l’embargo delle armi da e per la Libia previsto dalle risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu. Tra i suoi compiti secondari c’è anche il monitoraggio e la raccolta di informazioni sul traffico illegale di petrolio. La missione contribuisce, inoltre, allo smantellamento del traffico di esseri umani e ha tra i suoi compiti la formazione della guardia costiera e marina libica.

Operation Commander  e Force Commander

Il comandante dell’operazione (Operation Commander) è l’ammiraglio Fabio Agostini. Rappresenta il livello militare-strategico dell’operazione e svolge i suoi compiti dal quartier generale situato presso il Comando operativo di vertice interforze (Coi) di Centocelle, Roma.

Il comandante in mare (Force Commander) è invece il responsabile a livello operativo e tattico degli assetti aeronavali dispiegati nell’area di operazione nel Mediterraneo centrale ed agisce sotto la guida dell’Operation Commander. Nella carica del Force Commander si alterneranno su base semestrale Italia e Grecia.

Cos’è la nave ammiraglia?

La nave ammiraglia (flagship) è l’unità navale su cui è imbarcato il Force Commander con il suo staff. Con l’alternarsi del comandante in mare anche la nave ammiraglia si alternerà. Il Force Commander greco sarà quindi imbarcato su un’unità della marina ellenica.

SatCen
Il centro satellitare dell'Ue sostiene il processo decisionale e le azioni dell'Unione europea nel campo della politica estera e di sicurezza comune (Pesc), in particolare la politica di sicurezza e di difesa comune (Psdc), comprese le missioni e le operazioni di gestione delle crisi dell'Unione europea, fornendo prodotti e servizi derivanti dallo sfruttamento degli assetti spaziali ed informazioni collaterali, tra cui immagini satellitari e immagini aeree, e servizi correlati. SatCen è un'agenzia decentralizzata dell'Ue che opera sotto la supervisione del comitato politico e di sicurezza e della direzione operativa dell'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza.

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

red - 1231683

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar