It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Singapore Airlines rinuncia a collegamenti aerei senza meta

Il vettore è stato accusato di inquinare troppo

In Australia hanno avuto un gran successo, a Singapore invece il fallimento è stato inevitabile: si sta parlando dei cosiddetti collegamenti aerei "senza meta", i voli noti alle cronache delle ultime settimane come "verso il nulla". Qantas, compagnia di bandiera australiana, ha ottenuto grandi risultati dopo aver proposto l'iniziativa, rimettendo in sesto il bilancio rovinato dall'attuale crisi innescata dal Covid-19 (leggi anche l'articolo pubblicato da AVIONEWS). Il vettore aereo Singapore Airlines è stato al contrario costretto a rinunciare a malincuore; l'obiettivo era quello di proporre collegamenti "panoramici" con partenza dall'aeroporto internazionale di Changi, salvo poi fare marcia indietro. 

Secondo quanto riferito dai media locali, si sono posti dei problemi di non poco conto dal punto di vista ambientale. In particolare, alcune società attive nella difesa del clima e del territorio hanno protestato vivacemente, dichiarando a gran voce di non gradire questi voli dell'aviolinea asiatica a causa delle emissioni inquinanti che andrebbero ad aumentare in maniera pericolosa. Ecco perché il dibattito ha costretto Singapore Airlines a rivedere la propria politica: non si è fatto neanche in tempo a ipotizzare il possibile introito, dunque non sono noti i benefici economici dei collegamenti senza meta, nel caso di Qantas il successo finanziario è stato assicurato dai prezzi da sostenere, vale a dire 485 Euro per i biglietti più a buon mercato. 

Sr - 1232311

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar