It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Sicilia, indagati imprenditori e manager Ast

Stavano anche progettando la nascita di un vettore aereo

Un vero e proprio terremoto. Non si può definire in un altro modo quanto sta avvenendo all’interno di Ast (Azienda siciliana trasporti), il cui management è sotto inchiesta in queste ultime ore dopo la perquisizione richiesta dalla Procura della Repubblica di Palermo. Le forze dell’ordine si sono recate nelle abitazioni e negli uffici degli indagati, tra cui spiccano il direttore generale della stessa azienda, Andrea Ugo Fiduccia, ed il presidente Carmelo Tafuri. Oltre ai manager, anche alcuni imprenditori sono interessati dagli stessi provvedimenti. 

Ma cosa è successo di preciso? I reati contestati sono quelli contro la pubblica amministrazione, in particolare una serie di episodi corruttivi e alcuni appalti pilotati in cambio di favori. Le ipotesi di corruzione, inoltre sono cinque: si va dal 2016 ad oggi, di conseguenza anche altri vertici aziendali (nello specifico quelli che erano in carica negli anni passati) potrebbero rimanere coinvolti. Un altro episodio su cui fare luce è la frode (presunta) nelle pubbliche forniture. 

Ast si occupa di collegamenti extraurbani su gomma in Sicilia, ma gli accertamenti di questi ultimi giorni stanno riguardano anche altri trasporti. In effetti, sta emergendo una ricostruzione che fa parecchio rumore, vale a dire il progetto che prevedeva la costituzione di un vettore aereo nuovo di zecca. Il piano sarebbe stato bloccato dalla Regione Sicilia in tempi non sospetti, ma le figure professionali di riferimento sarebbero state pronte a dar vita alla compagnia. 

Che cosa si stava preparando di preciso? Si tratta di un vecchio sogno, un’aviolinea per cui in estate sarebbe stata presentata la documentazione all’Enac (Ente nazionale aviazione civile), in modo da ottenere la licenza: un vettore aereo completamente siciliano per contrastare gli aumenti tariffari, ecco il sogno rimasto finora nel cassetto. Qualche mese fa le bocche rimasero più che cucite, però l’indiscrezione non è stata mai smentita. 

Sr - 1233094

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Similar