It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Cuba, aeroporto L'Avana riapre dopo otto mesi

La chiusura risale allo scorso marzo

Otto lunghissimi mesi, quasi quanto un’intera gravidanza. Come riferito dai media del posto, l’aeroporto internazionale “Josè Martì” di L’Avana ha riaperto i battenti al termine di una chiusura motivata con l’emergenza sanitaria da coronavirus (leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS). Era il mese di marzo e le autorità cubane decisero di sospendere qualsiasi attività presso il più importante scalo del Paese, uno dei provvedimenti volti a proteggere i cittadini dalla pandemia. Non potrà essere ovviamente lo stesso hub dei giorni precedenti allo scoppio della pandemia stessa; gli arrivi dei cittadini stranieri verranno monitorati con la massima attenzione, in particolare ci sarà il controllo della loro temperatura ed il test diagnostico del covid-19. 

In aggiunta, tutti questi passeggeri non saranno autorizzati alla libera circolazione in territorio cubano fino a quando non saranno resi pubblici i risultati dei test, circa 24 ore dopo per la precisione. Un altro test anti-covid sarà necessario per tutti cinque giorni dopo il primo, senza dimenticare il pagamento di un tributo particolare. In effetti, L’Avana è pronta a chiedere una sorta di tassa “sanitaria” agli stranieri, anche se non esistono dettagli precisi e chiari in tal senso: il gettito dovrebbe comunque servire a coprire i costi di questi protocolli medici. 

Sull’argomento leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS

Sr - 1233221

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar