It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

"Brexit": Londra pretende equipaggi britannici da Ryanair

Il vettore aereo low-cost non l'ha presa bene

La "Brexit" sta avendo ripercussioni importanti da molti punti di vista, in particolare per quel che riguarda il trasporto aereo (leggi anche l’articolo che è stato pubblicato da AVIONEWS). Un esempio a dir poco particolare è quello del vettore aereo low-cost Ryanair; l’amministratore delegato Michael O’Leary aveva previsto un disastro per qualunque compagnia in seguito all'uscita dall'Unione europea, tranne che per l’aviolinea irlandese. In realtà le cose stanno andando diversamente. Nelle ultime ore Ryanair è stata costretta a cancellare 12 collegamenti aerei interni in relazione ai cieli del Regno Unito ed il motivo è presto detto. Londra avrebbe chiesto e preteso solamente equipaggi locali al vettore e questo requisito sarebbe impossibile da soddisfare allo stato attuale delle cose. 

Il governo britannico è stato accusato dallo stesso O’Leary di aver cambiato le regole all’ultimo minuto, ma Caa (Civil Aviation Authority) ha smentito una ricostruzione del genere. Le restrizioni della Gran Bretagna, inoltre, sono state definite “improvvise ed ingiustificate”. Tra le altre cose, Caa ha sottolineato come Ryanair abbia una significativa presenza in questo Paese e non dovrebbe fare eccessivo affidamento su aeromobili che sono stati registrati e noleggiati all’estero. In questa prima settimana completa del 2021 si registra già la seconda notizia singolare che ha a che fare con la "Brexit" ed i suoi effetti a livello economico e sociale. 

Sull’argomento leggi anche la notizia che è stata pubblicata da AVIONEWS.

Sr - 1234099

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar