It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Marocco chiude i propri aeroporti ad altri due Paesi

La "black list" include da tempo anche l'Italia

La pandemia da coronavirus ha rivoluzionato e continua a rivoluzionare la programmazione degli aeroporti di tutto il mondo. Uno degli ultimi esempi emblematici è quello del Marocco, il quale ha deciso di aumentare il numero di Paesi non graditi per quel che concerne i collegamenti aerei in arrivo oppure in partenza (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). Le ultime “new entry” sono la vicina Algeria e l’Egitto. Si tratta di una sospensione temporanea dei voli, per la precisione fino al prossimo 21 marzo. La misura eccezionale si è resa necessaria alla luce della diffusione sempre più ampia del covid-19 e delle sue varianti. Come accaduto in precedenza, il blocco di cui si sta parlando ha a che fare con passeggeri egiziani ed algerini in arrivo in territorio marocchino anche da altre Nazioni, come ha voluto ribadire più volte Rabat. La lista degli Stati che non sono graditi include: Turchia, Belgio, Svizzera, Germania, Paesi Bassi, Austria, Portogallo, Svezia, Ucraina, Repubblica Ceca, Australia, Irlanda, Nuova Zelanda, Africa del Sud, Danimarca, Brasile e Regno Unito. Il Marocco vanta una fortissima vocazione turistica, però ha registrato numeri preoccupanti lo scorso mese di gennaio. Gli aeroporti presenti nella Nazione africana hanno registrato in quel periodo poco meno di 639 mila passeggeri. Un transito di questo tipo, sia in arrivo che in partenza, non può essere ritenuto soddisfacente, visto che il dato è in calo di 68 punti percentuali rispetto allo stesso periodo di un anno fa. 

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS.

Sr - 1235283

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar