It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Piloti Alitalia: venerdì manifestazione a Fiumicino

In merito alla mancata erogazione degli stipendi ed all'esclusione personale qualificato dall'assunzione di Ita

I piloti Alitalia ed Alitalia Cityliner tornano a farsi sentire e questa volta lo faranno all’aeroporto di Fiumicino il 26 marzo presso il Terminal 3 alle ore 11. Le ultime notizie relative alla mancata erogazione degli stipendi insieme a quelle emerse da fonti di stampa per cui la maggioranza del personale altamente qualificato, come i piloti Alitalia, verrebbe escluso dall’assunzione da parte di Italia trasporto aereo (Ita), dimostra ancora una volta il disinteresse della politica verso uno degli asset strategici di ogni Nazione: il trasporto aereo.

“Quattro anni di amministrazione straordinaria affidata a management non esperti di trasporto aereo hanno provocato il collasso della compagnia molto più che nella precedente gestione fallimentare. Le perdite sono aumentate e non solo per la catastrofe epidemiologica dovuta al Covid 19 ma per una mancanza delle necessarie competenze", dichiara il presidente di Naca Piloti Alitalia comandante Franco Zorzo. "Sono mesi che la politica ed i partiti promettono 'il rilancio di Alitalia e la tutela di tutti i lavoratori' mentre nei fatti ci troviamo dinanzi all’ipotesi di un nuovo vettore nazionale composto solo da una cinquantina di aerei, senza logo, senza competenze, rinunciando alla professionalità di centinaia di piloti qualificati. Il comportamento del ministro Giorgetti di non voler colloquiare con i sindacati di categoria collide con le promesse del Governo di voler dialogare con le parti sociali, cedendo agli interessi di altri Stati e della Commissione europea".

“Il trasporto aereo si sta lentamente riprendendo e le altre compagnie stanno facendo investimenti importanti con l’acquisto di centinaia di aeromobili" interviene il presidente di Naca Piloti Cityliner comandante Daniele Pinori. "Qualsiasi compagnia si riesca a far nascere questa avrà bisogno di tutti i suoi piloti, che da sempre hanno dimostrato, esperienza e professionalità ed attaccamento ai colori italiani. Senza piloti gli aerei non volano e pensare che una mini compagnia sia appetibile ai futuri piloti, e che si possa pensare ad uno sviluppo futuro senza gli stessi è pura follia, perché nessun pilota sceglierà più Alitalia se ridotta ai minimi termini senza alcuna garanzia di sopravvivenza e di carriera”.

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

red - 1235666

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar