It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Audizione AdR (2). Estendere voli Covid tested per accelerare ripresa traffico aereo

L'ad Marco Troncone in commissione Trasporti Camera

La ripresa del trasporto aereo passa attraverso l’estensione dei voli Covid Tested. La procedura di viaggio disegnata da Aeroporti di Roma (AdR) che consente –con un controllo preventivo sul 100% dei passeggeri– una radicale riduzione del rischio di importazione del contagio in alternativa alla quarantena fiduciaria, va ampliata a livello nazionale e sulle destinazioni strategiche per il Paese. È la proposta rilanciata da Marco Troncone, amministratore delegato di AdR, nel corso di un’audizione in commissione Trasporti della Camera sulle prospettive di ripresa del trasporto aereo.

Fin dall’inizio della pandemia, AdR è stata in prima linea nelle misure di prevenzione, impegnandosi a garantire la massima sicurezza e tutela della salute a passeggeri e personale aeroportuale, come testimoniato anche dai diversi riconoscimenti internazionali ottenuti, che confermano come lo scalo di Fiumicino sia tra i migliori aeroporti al mondo nel contenimento del virus. Allo stesso tempo, AdR ha continuato a rispondere alle sfide della crisi sanitaria ponendosi al fianco delle Istituzioni e del Paese nella diffusione della campagna vaccinale con l’apertura dell’hub vaccini dell’aeroporto di Fiumicino, gestito insieme a Regione Lazio, Istituto "Spallanzani" e Croce rossa italiana, in grado di somministrare 3500 dosi al giorno (finora oltre 40 mila dosi).

Il "Leonardo da Vinci" è stato precursore nell’attivare i corridoi sanitari che permettono lo spostamento in sicurezza dei passeggeri. Dallo scorso 8 dicembre, quando è stata avviata la sperimentazione sui voli Covid Tested transoceanici a Fiumicino, primo scalo in Europa ad attivarli, sono stati oltre 7500 i passeggeri testati all’arrivo. Solo negli ultimi due mesi, i viaggiatori che hanno utilizzato i voli Covid Tested di Alitalia da New York sono aumentati del 132% a dimostrazione dell’alto livello di soddisfazione di questa procedura di viaggio. Anche le Nazioni Unite hanno riconosciuto il modello proposto da AdR come unico benchmark di riferimento a livello globale per rilanciare il traffico aereo. Il bilancio della sperimentazione dei primi mesi, dunque, ha confermato la connotazione di corridoi sicuri ed idonei a portare il rischio di importazione di contagio a livelli quasi inesistenti e contribuire ad accelerare un recupero del traffico aereo che a Fiumicino, in base alle ultime previsioni, dovrebbe tornare a livelli pre-Covid solo nel 2026.

“La fase sperimentale -ha dichiarato Troncone– ha dimostrato che il modello Covid-Tested è valido: AdR si pone ora l’obiettivo di attivare uno schema più esteso di protocolli di viaggio basati sui controlli pre-partenza, differente a seconda dei vari flussi di traffico, nonché la rimozione del vincolo sulle motivazioni di viaggio al fine di riattivare il trasporto aereo e sostenere la ripresa del settore turistico, in vista della stagione estiva 2021”. 

La proposta punta a sostenere i flussi intercontinentali, focalizzandosi sulle tratte strategiche per il Paese, ma non critiche dal punto di vista sanitario, come Stati Uniti, Canada, Giappone. Allo stesso tempo è fondamentale incrementare il livello di sicurezza sui flussi europei, eliminando l’alternativa delle misure fiduciarie a favore del controllo sul 100% dei passeggeri in arrivo in Italia e sostenere anche i collegamenti domestici con particolare focus sulle regioni “bianche”.

“Essenziale –ha aggiunto l’amministratore delegato- che la normativa venga approvata con almeno due mesi d’anticipo, contando sull’accelerazione della campagna vaccinale, per consentire alle compagnie aeree una pianificazione anticipata e al Paese di competere con le altre destinazioni turistiche che già si stanno organizzando”. 

Altro tema cruciale per la ripresa dei flussi di traffico in sicurezza riguarda un’adeguata digitalizzazione dei processi “Su questo fronte –ha concluso Troncone- stiamo sperimentando diverse iniziative: dalla creazione di un Travel Health Portal, per gestire in modo protetto la documentazione dei passeggeri e che si integrerà con il Digital Green Pass dell’Unione europea, fino al prossimo avvio del controllo biometrico su alcuni voli transoceanici, introducendo sin da subito i test point realizzati direttamente in aeroporto per sostituire i presidi gestiti dal Servizio sanitario nazionale e non gravare sulla collettività generale”.

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS

red - 1235818

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Related
Similar