It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Aeroporto di Venezia, il treno su monorotaia per la bretella

Il progetto dell'architetto Fernando De Simone

Fernando De Simone, architetto specializzato in ingegneria dei trasporti e rappresentante del Gruppo svizzero Intamin Transportation, sta progettando da tempo un treno su monorotaia molto particolare. L’obiettivo è collegare Belluno ad Agordo. Per proseguire poi, in fasi successive, fino alla stazione di Bolzano. Con un investimento di 470 milioni di Euro, sempre secondo De Simone, si potrebbe garantire il collegamento con Jesolo. Proprio in quel di Venezia, questa idea potrebbe tomare di stretta attualità dopo lo stop al progetto della bretella di Rfi (Rete ferroviaria italiana) con l’aeroporto “Marco Polo” di Venezia-Tessera. La proposta è infatti quella di collegare idealmente la stazione ferroviaria di Mestre con lo scalo lagunare.

Secondo l’architetto, si potrebbero trasportare mille passeggeri ogni ora, un numero destinato a salire fino a 5 mila in futuro. Il nodo da sciogliere riguarda l'impasse tra il ministero delle Infrastrutture e quello dei Beni culturali riguardo l'abbattimento del borgo ottocentesco di Ca' Litomarino. La monorotaia, normalmente collocata a 5 metri di altezza di fianco alla strada statale, è sostenuta ogni 25-30 metri da pali in acciaio o calcestruzzo armato dal diametro di un metro. La velocità massima è di 80 chilometri orari e la pendenza massima è del 60%. Procedendo con velocità panoramica, il tempo occorrente dalla stazione di Belluno a quella di Bolzano è di circa 150 minuti mentre da Belluno ad Agordo e a Cortina, rispettivamente, 35 e 120 minuti.

Le vetture del gruppo svizzero Intamin Transportation sono singolarmente dotate di un motore elettrico e governate da computer. A seconda dei viaggiatori che attendono nelle stazioni, esse possono essere aumentate o ridotte automaticamente. Come sostenere il progetto dal punto di vista economico? Secondo quanto riferito da De Simone, ci sarebbe un autofinanziamento grazie alle sovvenzioni messe a disposizione dall’Unione europea, nello specifico quelle che hanno a che fare con la riduzione dell’inquinamento e con il risparmio energetico.

Sr - 1238330

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Similar