It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Parlamento europeo. Interrogazione: risposta su incendi dolosi in Sicilia e mancata azione contrasto istituzioni italiane

Di Elisa Ferreira a nome della Ce

"Interrogazioni parlamentari

3 agosto 2021

Risposta di Elisa Ferreira a nome della Commissione europea

Riferimento dell'interrogazione: E-002760/2021

1 Spetta alle autorità nazionali e regionali italiane intraprendere azioni efficaci per proteggere la biodiversità, conformemente alla strategia sulla biodiversità e alla legislazione dell'Ue in materia di tutela della natura e, ove necessario, per garantire il riconoscimento della responsabilità per danni alla natura protetta. Seguendo l'approccio delineato nella comunicazione 'Diritto dell'Unione europea: risultati migliori attraverso una migliore applicazione', la Commissione adotterà misure adeguate laddove si riscontrino prove di una violazione sistematica del diritto dell'Ue.

2 Il Fondo di solidarietà dell'Ue (Fsue) può essere attivato solo su richiesta del paese colpito, entro 12 settimane dal verificarsi della catastrofe, dimostrando che i danni diretti totali superano lo 0,6 % del reddito nazionale lordo (o, per l'Italia, 3,65 miliardi di Euro) o l'1,5 % del prodotto interno lordo della regione colpita. I danni causati da singole catastrofi non possono essere sommati. Finora l'Italia non ha richiesto l'assistenza del Fsue.

3 L'Ue dispone di un sistema globale per la gestione delle catastrofi naturali. Il meccanismo di protezione civile dell'Unione fornisce un quadro per prevenire, prepararsi e rispondere alle catastrofi naturali.

L'Ue sostiene inoltre gli enti locali e regionali nella prevenzione dei rischi di catastrofi, nella preparazione e nella ripresa attraverso il Fondo europeo di sviluppo regionale e il Fondo di coesione. Questi Fondi possono cofinanziare investimenti nella gestione di specifici rischi di catastrofi, ossia azioni volte a promuovere la prevenzione e la gestione dei rischi di incendi boschivi, compreso il potenziamento delle attrezzature di monitoraggio. Grazie al gruppo di esperti sugli incendi boschivi, gli Stati membri e la Commissione hanno elaborato orientamenti sulla prevenzione degli incendi boschivi basata sul territorio, per fornire un ulteriore sostegno alle autorità.

Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2021".

"Interrogazioni parlamentari

25 maggio 2021

Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002760/2021 alla Commissione Articolo 138 del regolamento

Ignazio Corrao (Verts/ALE)

Risposta scritta

Oggetto: Incendi dolosi in Sicilia e mancata azione di contrasto da parte delle istituzioni italiane

Gli incendi dolosi in Sicilia stanno riducendo drasticamente la biodiversità. Nel 2017 la Sicilia è stata la regione italiana con la superficie bruciata più estesa: 34.221 ettari totali di cui 15.785 di bosco (relazione tecnica 2017 del JRC). Per la stagione 2020 il Sistema europeo d'informazione sugli incendi boschivi (EFFIS) stima una superficie totale bruciata di 35.900 ettari, dal 1° giugno al 30 ottobre 2020. Dal marzo 2021 al maggio 2021 in Sicilia si sono già verificati più di 20 incendi dolosi, anche in riserve protette situate in zone IBA, ZPS, ZU.

Gli incendi mettono a repentaglio sia l’attuazione dell’Accordo sulla conservazione degli uccelli acquatici migratori dell'Africa-Eurasia (AEWA), recepito dall’Italia con legge n. 66/2006 ma mai applicata, che la Strategia per la biodiversità 2030.

Considerata l’inerzia delle istituzioni locali e regionali, può la Commissione far sapere:

1. se ha intenzione di verificare negligenze ed efficacia delle azioni di contrasto agli incendi della Regione Sicilia, sia in relazione alla direttiva 2008/99/CE (Legge n. 68/2015) sia alla Strategia per la biodiversità 2030;

2. se la Sicilia può richiedere l’attivazione del Fondo di solidarietà considerando il calcolo del danno cumulato negli ultimi anni, ben superiore alla soglia dei 3 miliardi;

3. se ha intenzione di promuovere l'applicazione di tecnologie (droni e telecamere termiche) per gestire gli incendi di boschi?

La presente interrogazione è sostenuta da deputati diversi dall'autore: Rosa D'Amato (Verts/ALE), Eleonora Evi (Verts/ALE)

Ultimo aggiornamento: 14 giugno 2021". 

red - 1238352

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Similar