It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Australia presidia aeroporto delle isole Salomone

Militari esercito inviati per sedare rivolta nel Paese

Un contingente di un centinaio di militari dell'esercito e di forze di polizia australiani arriva oggi nelle Isole Salomone per sedare le rivolte che minacciano di rovesciare il governo dell'arcipelago. Il loro compito è quello di monitorare le infrastrutture fondamentali del Paese, tra cui l'aeroporto internazionale di Honiara. Gli uomini delle forze armate inviate da Sydney si tratterranno diverse settimane, a seconda dello sviluppo della protesta. 

"La situazione rimane instabile con folle grandi in movimento". "Il nostro scopo qui è fornire stabilità e sicurezza", ma "la nostra presenza non indica che ci schieriamo negli affari interni delle Isole Salomone". "Siamo sempre stati lì per aiutare i nostri vicini del Pacifico quando hanno bisogno di noi". "Crediamo nella loro sovranità e crediamo che siano in grado di risolvere questi problemi" democraticamente, ha affermato il premier australiano Scott Morrison, aggiungendo di aver ricevuto la richiesta di assistenza dal primo ministro locale Manasseh Sogavare.

Nel corso delle proteste diversi edifici sono stati dati alle fiamme nella capitale Honiara, mentre migliaia di manifestanti hanno invaso il quartiere cinese della città. Secondo i media nazionali questo è legato al fatto che il governo dell'isola dal 2019 privilegia le relazioni con Pechino nella contesa con Taiwan.

Gic - 1240571

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Similar